Home / Dati e relazioni UVAC-PIF

Dati e relazioni UVAC-PIF

immagine di fogli con dei dati


Nell’ambito degli scambi intracomunitari, di competenza degli UVAC, la legislazione UE di riferimento prevede che i controlli veterinari sugli animali e sui prodotti di origine animale siano effettuati nel luogo di origine. Anche se il sistema fonda sulla fiducia nelle garanzie fornite dal Paese speditore, le direttive europee consentono comunque di procedere a controlli, per sondaggio e con carattere non discriminatorio, anche da parte del Paese di destinazione. A questi controlli di routine si aggiungono inoltre quelli che possono derivare dall’applicazione di misure di salvaguardia a tutela della salute pubblica o della salute animale.
I controlli vengono effettuati dal personale veterinario delle AA.SS.LL. sulla base delle direttive degli UVAC che spesso operano d’intesa con gli Assessorati alla sanità delle Regioni e delle Province autonome. Oltre ai controlli disposti dagli UVAC, le Regioni o le AA.SS.LL possono disporre controlli in maniera autonoma.

I Posti di Ispezione Frontaliera (PIF) fanno parte della rete globale dei Border Inspection Posts (BIP) dell’Unione Europea e svolgono i controlli delle merci di interesse veterinario destinate all’intero mercato comunitario. La legislazione dell’UE stabilisce tre principi fondamentali:

  1. la rete di PIF deve operare sulla base di regole comuni stabilite dall’UE;
  2. l’applicazione delle regole comuni è sottoposta alla vigilanza diretta della Commissione europea attraverso le ispezioni/audit;
  3. le Autorità Centrali degli Stati membri, sotto la cui responsabilità ricadono i PIF presenti sul proprio territorio, devono assicurarne la conformità alle norme comunitarie sia per gli aspetti strutturali che procedurali.

Un’altra importante attività svolta dai PIF italiani riguarda la collaborazione con le dogane per il contrasto delle importazioni clandestine e per lo sviluppo dello Sportello Unico Doganale il cui obiettivo principale è quello di semplificare le operazioni di importazione ed esportazione delle merci e concentrare in un unico “snodo informatico” i termini delle relative attività istruttorie.

 

Consulta:



Data di pubblicazione: 15 gennaio 2018 , ultimo aggiornamento 28 giugno 2019



Condividi

Tag associati a questa pagina

Moduli e servizi online UVAC-PIF



Argomenti

.