Il settore dei prodotti destinati ad una alimentazione particolare, dove sono presenti gli alimenti per la prima infanzia e i prodotti dietetici, è attualmente disciplinato dalla direttiva 2009/39/CE che ha codificato la direttiva 89/398/CEE. Quest’ultima è adottata in Italia con il vigente decreto legislativo 27 gennaio 1992, n. 111.

Dal 20 luglio 2016, la direttiva 2009/39/CE sarà abrogata per esigenze di semplificazione normativa dal Regolamento (UE) 609/2013, definito comunemente con l’acronimo FSG (Food for Specific Group).

Questo regolamento, comunque includerà nel suo campo di applicazione, con gli opportuni adattamenti, le disposizioni adottate nel settore dei prodotti destinati ad una alimentazione particolare per gli alimenti per la prima infanzia, gli alimenti a fini medici speciali e gli alimenti presentati come sostituti totali della dieta per la riduzione del peso corporeo.

Le tre sopracitate categorie di prodotti, come fonti alimentari esclusive o parziali, sono destinati a gruppi specifici della popolazione con esigenze nutrizionali particolari, come lattanti e bambini nella prima infanzia, soggetti resi nutrizionalmente vulnerabili da determinate turbe, malattie o condizioni mediche, soggetti con eccesso ponderale che per ridurre il peso corporeo devono soddisfare appieno il fabbisogno in nutrienti essenziali con un apporto energetico ridotto o molto ridotto.

Gli alimenti senza glutine destinati ai celiaci, invece, non ricadranno nel campo di applicazione del regolamento FSG perché a livello europeo si è deciso di disciplinare l’indicazione sull’assenza di glutine o il contenuto molto basso negli alimenti come una informazione che può essere fornita volontariamente con l’etichettatura. Decisione analoga è stata presa per le indicazioni relative all’indicazione sull’assenza di lattosio o il suo ridotto contenuto negli alimenti.

A livello nazionale, secondo il DM 8 giugno 2001 “Assistenza sanitaria integrativa relativa ai prodotti destinati ad una alimentazione particolare” è prevista l’erogabilità a carico del SSN dei prodotti per il trattamento dietetico di malattie metaboliche congenite, fibrosi cistica, celiachia, nonché di formule per lattanti a nati da mamme HIV positive, che sono inclusi nel “registro nazionale” istituito ai sensi dell’art. 7 dello stesso DM.

Consulta il registro nazionale


Data di pubblicazione: 10 aprile 2008, ultimo aggiornamento 31 marzo 2016

Pubblicazioni   |   Opuscoli e poster   |   Normativa   |   Home page dell'area tematica Torna alla home page dell'area