L'Istituto superiore di sanità (ISS) è l'organismo incaricato di ricevere le informazioni relative ai preparati immessi sul mercato e considerati pericolosi in base alla determinazione delle proprietà chimico-fisiche, delle proprietà aventi effetti sulla salute e delle proprietà ambientali.

Il responsabile dell'immissione sul mercato di un preparato pericoloso e i fabbricanti o le persone responsabili della commercializzazione del prodotti autorizzati o registrati come biocidi ai sensi del decreto legislativo 25 febbraio 2000, n. 174, e classificati come pericolosi ai sensi del D.Lgs. n. 65 del 14 marzo 2003, devono inviare le informazioni e i dati sui preparati all'ISS.

Tali informazioni vengono raccolte nell' Archivio dei preparati pericolosi (istituito con DM 19 aprile 2000) e sono utilizzabili esclusivamente per rispondere a richieste di carattere sanitario, in vista di misure preventive o curative e in particolare caso d'urgenza, mediante consultazione dell'archivio preparati pericolosi da parte dei centri antiveleni, riconosciuti idonei ad accedere all'archivio.
Per gli stessi scopi le informazioni contenute nell'archivio possono essere fornite ad altri soggetti a cura dell'ISS.

I soggetti che sono a conoscenza delle informazioni sono tenuti a mantenere la riservatezza delle stesse e a non utilizzare quanto a loro conoscenza per scopi diversi da quelli per i quali hanno avuto il diritto di accesso alle informazioni medesime.
L'ISS ed i centri antiveleni ritenuti idonei tengono una registrazione delle richieste di informazione concernenti i prodotti contenuti nell'archivio.

L'ISS trasmette periodicamente, e comunque con una frequenza non superiore ad un anno, una relazione al Ministero della salute in merito alla consultazione dell'archivio preparati pericolosi da parte dei centri antiveleni ed alle eventuali problematiche connesse, evidenziando i dati epidemiologici anomali per l'eventuale attivazione delle attività di vigilanza da parte del Ministero della salute.

Qualora l'ISS riscontri che per un prodotto vi sono state ripetute richieste di informazione, ne dà immediata comunicazione al responsabile dell'immissione sul mercato, nonché al Ministero della salute.


Data di pubblicazione: 31 ottobre 2007, ultimo aggiornamento 8 ottobre 2013

Pubblicazioni   |   Opuscoli e poster   |   Normativa   |   Home page dell'area tematica Torna alla home page dell'area