Un assistito può accedere in ogni istante al proprio FSE secondo le modalità messe a disposizione dalla rispettiva regione o provincia autonoma di residenza, oppure mediante il portale nazionale www.fascicolosanitario.gov.it, via SPID, TS-CNS abilitata e, a breve, tramite Carta d'Identità Elettronica (CIE).

Il consenso alla consultazione dei dati

I soggetti e gli esercenti le professioni sanitarie che prendono in cura un assistito − sia nell'ambito del SSN e dei servizi socio-sanitari regionali, sia al di fuori degli stessi − possono accedere ai dati e ai documenti presenti nel FSE solo se l'assistito ha preventivamente espresso il proprio consenso. Tale consenso può essere espresso online, accedendo al FSE personale, o secondo le modalità messe a disposizione da ciascuna regione o provincia autonoma.

Per i minorenni il consenso alla consultazione è espresso da chi esercita la responsabilità genitoriale o dal rappresentante legale, previa identificazione dello stesso.

Per i soggetti interdetti o inabilitati il consenso è espresso dal rappresentante nominato dal giudice.

Il mancato consenso alla consultazione 

Il mancato consenso alla consultazione del FSE non comporta conseguenze nell’erogazione delle prestazioni sanitarie, ma non permette in via ordinaria ai professionisti sanitari che prendono in cura un assistito di consultare il suo FSE e quindi di acquisire informazioni utili per una cura più sicura e appropriata. In mancanza del consenso, solo l'assistito può visualizzare i documenti contenuti nel suo FSE.

I dati del FSE di un assistito sono automaticamente cancellati trascorsi trenta anni dalla data di decesso dello stesso.

Il diritto all'oscuramento dei dati

L'assistito ha  la facoltà di non rendere visibili sul FSE i dati relativi ad una prestazione che ha ricevuto (il cosiddetto "diritto all'oscuramento").

I dati "a maggior tutela" (dati e documenti disciplinati dalle norme a tutela delle persone sieropositive, delle donne che si sottopongono a un’interruzione volontaria di gravidanza, delle vittime di atti di violenza sessuale o di pedofilia, delle persone che fanno uso di sostanze stupefacenti, di sostanze psicotrope e di alcool, nonché i dati e i documenti riferiti ai servizi offerti dai consultori familiari) sono caricati automaticamente in forma oscurata nel FSE dell'assistito.


  • Condividi
  • Stampa
  • Condividi via email

Data di pubblicazione: 23 febbraio 2021, ultimo aggiornamento 1 marzo 2021

Pubblicazioni   |   Opuscoli e poster   |   Normativa   |   Home page dell'area tematica Torna alla home page dell'area