Per visualzzare correttamente il contenuto della pagina occorre avere JavaScript abilitato.
Vai al sito Antibiotico-resistenza

Sebbene un background di resistenza “naturale” sia presente in qualsiasi comunità batterica, il sovrautilizzo e l’utilizzo errato di antibiotici in medicina umana e veterinaria hanno determinato lo sviluppo e la proliferazione di resistenze specifiche nelle comunità batteriche esposte agli effetti delle attività umane in tutto il pianeta. L’abbondanza e la diversità dei geni di resistenza e dei batteri resistenti presenti nell’ambiente sono strettamente correlate all’impatto causato localmente dalle attività umane.

Il problema

L’antibiotico-resistenza derivante da geni di resistenza ad antibiotici sintetici e semisintetici si diffonde nell’ambiente tramite molteplici vie di contaminazione in seguito a differenti attività antropiche in cui vi è un elevato utilizzo di antibiotici. I geni di resistenza possono raggiungere l’ambiente sia tramite fonti diffuse di contaminazione (aree ad agricoltura intensiva, distretti industriali, attività umane distribuite sul territorio) sia attraverso sorgenti puntiformi quali impianti zootecnici intensivi, acquacoltura e scarichi fognari urbani ed ospedalieri.

L’ampiezza del problema e del rischio sotteso è ancora da definire poiché, nella gran parte delle nazioni, manca del tutto un monitoraggio massivo e geograficamente significativo delle dinamiche di antibiotico-resistenza, prerequisito fondamentale per sviluppare azioni di mitigazione dell’inquinamento, sia a livello locale che regionale o nazionale.

In Italia, i dati sul consumo umano e veterinario di antibiotici e sui ceppi resistenti riconosciuti in ambito ospedaliero variano in modo estremo da regione a regione e ancor di più tra provincia e provincia, suggerendo anche un diverso carico ambientale e quindi la necessità di sviluppare azioni mirate di controllo ed abbattimento che non possono essere uniche a livello nazionale.

Vie di contaminazione delle matrici ambientali

L’impatto dell’utilizzo massivo di antibiotici non causa solo il rilascio in ambiente di batteri resistenti e di geni di resistenza, ma anche di notevoli quantitativi dei diversi antibiotici. Le sostanze parentali non metabolizzate dal corpo umano e i rispettivi metaboliti vengono escreti per via urinaria e fecale, raggiungendo le acque reflue urbane e gli impianti di depurazione delle acque, dove generalmente non sono totalmente rimossi. Antibiotici e metaboliti vengono quindi immessi nei corsi d’acqua, nei laghi o nel mare tramite le acque trattate oppure nei suoli tramite l’utilizzo dei fanghi di depurazione come concime per i campi. Questa classe di contaminati, nonostante la sua eterogeneità, viene generalmente definita “semi-persistente” poiché il suo utilizzo è continuo e massiccio: quantitativi rilevanti vengono immessi quotidianamente nell’ambiente in seguito all’uso in medicina umana e veterinaria. In pratica, anche se alcune sostanze si degradano rapidamente nell’ambiente, risultano sempre presenti a causa dell’immissione continua.

Azioni prioritarie

In un documento di prossima pubblicazione il Ministero dell’ambiente e della tutela del territorio e del mare, in collaborazione con ricercatori provenienti dall’ISPRA, dal CNR, dall’Istituto di Ricerche Farmacologiche Mario Negri e dall’Università di Roma Tor Vergata, propone alcune azioni prioritarie volte a facilitare la corretta gestione dell’AMR a livello ambientale:

  • utilizzare modalità innovative nei sistemi di depurazione dei reflui civili e ospedalieri, al fine di intercettare il maggior numero di contaminanti prima che possano raggiungere le matrici ambientali
  • rivedere la gestione degli antibiotici e dei rifiuti negli allevamenti intensivi
  • veicolare, attraverso gli strumenti dell’informazione e dell’educazione della popolazione, indicazioni relative ad un corretto uso e smaltimento dei farmaci antibiotici
  • promuovere le attività di ricerca sul rapporto tra antibiotico-resistenza e ambiente.

Per approfondire


  • Condividi
  • Stampa
  • Condividi via email

Data di pubblicazione: 9 novembre 2020, ultimo aggiornamento 9 novembre 2020

Pubblicazioni   |   Opuscoli e poster   |   Normativa   |   Home page dell'area tematica Torna alla home page dell'area