Per visualzzare correttamente il contenuto della pagina occorre avere JavaScript abilitato.
Vai al sito Nuovo coronavirus


Monitoraggio e indicatori di rischio


MONITORAGGIO REGIONI n. 27 
20 novembre 2020 - CABINA DI REGIA (DM 30 aprile 2020)
MONITORAGGIO REGIONI n. 26 
13 novembre 2020 - CABINA DI REGIA (DM 30 aprile 2020)
ORDINANZA 13 novembre 2020
Ministero della Salute
MONITORAGGIO REGIONI n. 25
9 novembre 2020 - CABINA DI REGIA (DM 30 aprile 2020)
ORDINANZA 10 novembre 2020 
Ministero della Salute
MONITORAGGIO REGIONI n. 24 
25 ottobre 2020
ORDINANZA 4 novembre 2020
Ministero della Salute


Classificazione Regioni

Dal 3 novembre, Regioni e Province autonome sono classificate in tre aree - rossa, arancione, gialla - corrispondenti ad altrettanti scenari di rischio, per le quali sono previste specifiche misure restrittive.
La classificazione avviene in base a Ordinanze del Ministero della Salute.

(Dpcm 3 novembre 2020; Decreto legge 9 novembre 2020)

Area Rossa
Rischio alto
SCENARIO 4 : situazione di trasmissibilità non controllata con criticità nella tenuta del sistema sanitario nel breve periodo
Regioni / Province Autonome Ordinanze
Abruzzo 20 novembre 2020
Provincia di Bolzano 10 novembre 2020
Calabria 19 novembre 2020
Campania 13 novembre 2020
Lombardia 19 novembre 2020
Piemonte 19 novembre 2020
Toscana 13 novembre 2020
Valle d'Aosta 19 novembre 2020


Area Arancione
Rischio medio-alto
SCENARIO 3 : situazione di trasmissibilità sostenuta e diffusa con rischi di tenuta del sistema sanitario nel medio periodo
Regioni / Province Autonome Ordinanze
Basilicata 10 novembre 2020
Emilia Romagna 13 novembre 2020
Friuli Venezia Giulia 13 novembre 2020
Marche 13 novembre 2020
Liguria 10 novembre 2020
Puglia 19 novembre 2020
Sicilia 19 novembre 2020
Umbria 10 novembre 2020


Area Gialla
Rischio medio


Regioni e Province autonome che non rientrano negli scenari 3 e 4
Regioni / Province Autonome Ordinanze
Lazio -
Molise -
Provincia di Trento -
Sardegna -
Veneto -


Le Regioni e le Province autonome possono adottare specifiche ulteriori disposizioni restrittive, di carattere locale, per conoscere le quali è necessario fare riferimento ai canali informativi istituzionali dei singoli enti.
Gli scenari sono descritti nel documento Prevenzione e risposta a COVID-19: evoluzione della strategia e pianificazione nella fase di transizione per il periodo autunno-invernale.
Gli indicatori di rischio sono definiti nel Decreto ministeriale 30 aprile 2020

Per conoscere le restrizioni

Per saperne di più

Archivio monitoraggio Regioni

Report giornalieri

Report su mortalità

La rete di sorveglianza italiana

Il monitoraggio dell'epidemia dei casi di Covid-19 in Italia viene effettuato attraverso due flussi di dati:

  • il flusso dei dati aggregati inviati dalle Regioni coordinato da Ministero della Salute, con il supporto della Protezione Civile e dell'Istituto superiore di sanità, per raccogliere informazioni tempestive sul numero totale di test positivi, decessi, ricoveri in ospedale e ricoveri in terapia intensiva in ogni Provincia d’Italia.
  • il flusso dei dati individuali inviati dalle Regioni all'Istituto Superiore di Sanità (Sorveglianza integrata Covid-19, ordinanza 640 della Protezione Civile del 27/2/2020), che comprende anche i dati demografici, le comorbidità, lo stato clinico e la sua evoluzione nel tempo, per un'analisi più accurata.

Vedi anche

Link

Consulta l'andamento dei casi e la valutazione del rischio nelle pagine web dell'ECDC (In inglese):

ECDC – Situazione in Europa

ECDC – Aggiornamenti valutazione del rischio




  • Condividi
  • Stampa
  • Condividi via email

Data di pubblicazione: 21 novembre 2020, ultimo aggiornamento 21 novembre 2020

Pubblicazioni   |   Opuscoli e poster   |   Normativa   |   Home page dell'area tematica Torna alla home page dell'area