Per visualzzare correttamente il contenuto della pagina occorre avere JavaScript abilitato.
Vai al sito Allattamento
immagine di una mamma che abbraccia il suo bambino

Il contatto mamma-bambino

L'abitudine all'allattamento si costruisce fin dai primi momenti di vita del bambino. 
Per questa ragione, subito dopo il parto si mette il neonato in contatto immediato e prolungato con la madre, "pelle a pelle". Anche se appena nato, il bambino è in grado di trovare da solo il seno e di succhiare. E' un momento privilegiato di contatto profondo noto come "bonding". L'attacco precoce e prolungato al seno è un fattore predittivo importante della durata e dell'esclusività dell'allattamento.

Dal colostro al latte maturo

Nei primi giorni dopo il parto si trova la produzione di colostro, un liquido giallognolo, ricco di proteine, minerali e vitamina A ed anticorpi (immunoglobuline). Dopo i primi giorni di allattamento, il colostro si trasforma in latte maturo che è più ricco di grassi, carboidrati e vitamine del complesso B.

La composizione del latte cambia con il passare dei mesi soprattutto per la progressiva sostituzione delle proteine. Variazioni si osservano anche nell'arco della giornata e anche durante la singola poppata. All'inizio di ogni poppata per esempio il latte ha meno grassi, che invece aumentano fino alla fine della suzione, dando al lattante un senso di sazietà.

In tutti i casi in cui è possibile, il bambino va allattato in maniera esclusiva per un periodo di almeno sei mesi, e comunque fino a quando la madre ed il bambino lo desiderino.


  • Condividi
  • Stampa
  • Condividi via email

Data di pubblicazione: 4 ottobre 2019, ultimo aggiornamento 4 ottobre 2019

Pubblicazioni   |   Opuscoli e poster   |   Normativa   |   Home page dell'area tematica Torna alla home page dell'area