Per visualzzare correttamente il contenuto della pagina occorre avere JavaScript abilitato.
Vai al sito Governo clinico e sicurezza delle cure
immagine di una operatrice con dei farmaci

In Italia la vigilanza sulla sicurezza dei farmaci è una delle attività svolte dall'Agenzia italiana del farmaco (AIFA).

L'AIFA vigila sull’uso sicuro dei medicinali per assicurare che il rapporto beneficio rischio di ogni farmaco sia favorevole. Tale attività è effettuata attraverso il monitoraggio e la valutazione dei dati di sicurezza e, nel caso in cui sia necessario, tramite l'adozione di azioni regolatorie in modo da tutelare prontamente la salute pubblica.

L'AIFA garantisce anche un’informazione indipendente e tempestiva sulla sicurezza dei medicinali, incoraggiando i pazienti e gli operatori sanitari a segnalare le sospette reazioni avverse.

Inoltre, promuove programmi e studi di farmacovigilanza attiva, d’intesa con le Regioni e secondo piani di formazione e ricerca con i medici di medicina generale, i pediatri di libera scelta, le società scientifiche e le strutture universitarie. 

Le attività del Ministero

La Direzione generale della programmazione sanitaria del Ministero della Salute ha elaborato, in collaborazione con esperti di Regioni e Province Autonome e altri stakeholder, una serie di “raccomandazioni”, ossia documenti specifici con l’obiettivo di offrire strumenti in grado di prevenire gli eventi avversi, promuovere l’assunzione di responsabilità e favorire il cambiamento di sistema.

Le Raccomandazioni derivano da fatti e situazioni di casi realmente accaduti e nascono dall’esigenza di poter fruire di indicazioni chiare e semplici da applicare per evitare l’accadimento di analoghe situazioni di rischio.

Le Raccomandazioni sono oggetto di revisione e aggiornamento da parte dell’Ufficio 3 della Direzione generale della programmazione sanitaria, in collaborazione con Regioni e Province Autonome, Agenas, AIFA, ISS, Coordinamento delle Regioni e Province Autonome per la Sicurezza delle Cure - Sub Area Rischio Clinico, Società scientifiche e altri stakeholder.

Recentemente, l’Organizzazione Mondiale della Sanità ha lanciato la terza sfida mondiale per la sicurezza nell’uso dei farmaci; le Raccomandazioni ministeriali che trattano di questo argomento sono:

  • Raccomandazione n.19 - La manipolazione delle forme farmaceutiche orali solide
  • Raccomandazione n. 18 - Prevenzione degli errori in terapia conseguenti all'uso di abbreviazioni, acronimi, sigle e simboli
  • Raccomandazione n. 17 - La Riconciliazione della terapia farmacologica
  • Raccomandazione n. 14 - Prevenzione degli errori in terapia con farmaci antineoplastici
  • Raccomandazione n. 12 - Prevenzione degli errori in terapia con farmaci “Look-alike/sound-alike”
  • Raccomandazione n. 7 - Prevenzione della morte, coma o grave danno derivati da errori in terapia farmacologica
  • Raccomandazione n. 1 - Corretto utilizzo delle soluzioni concentrate di Cloruro di Potassio -KCL- ed altre soluzioni concentrate contenenti Potassio

Data di pubblicazione: 10 settembre 2019, ultimo aggiornamento 5 novembre 2019

Pubblicazioni   |   Opuscoli e poster   |   Normativa   |   Home page dell'area tematica Torna alla home page dell'area