Il Comitato Tecnico Sanitario, nelle Sezioni C e D, rispettivamente per la ricerca sanitaria e per la valutazione dei progetti di ricerca sanitaria presentati dai ricercatori di età inferiore a quaranta anni, ha approvato, nella seduta del 19 febbraio 2019, la graduatoria dei progetti vincitori del bando “Ricerca Finalizzata e Giovani Ricercatori 2018” del Ministero della salute nelle sezioni:

Progetti Ordinari (sezione A del Bando)

Progetti con Cofinanziamento Industriale (sezione B del Bando)

Giovani Ricercatori (sezione C del Bando)

Borse di studio Starting Grant (sezione D del Bando)

Programmi di rete (sezione E del Bando)

Tra i 1.719 progetti presentati, nelle sezioni del bando citate, tra aprile e giugno 2018 ne sono stati selezionati per il finanziamento 197 a cui si aggiungono 38 borse di studio Starting Grant.

Nello specifico i progetti finanziabili sono:

  • 84 Progetti Ordinari di Ricerca Finalizzata
  • 108 Progetti presentati da Giovani Ricercatori
  • 5 Progetti Cofinanziati
  • 38 borse di studio rivolte a giovani ricercatori sotto i 33 anni previste nella sezione Starting Grant.

Tali progetti coprono tutti i settori medici, con una particolare presenza delle neuroscienze, del settore cardiovascolare e dell’oncologia.


Processo di individuazione dei progetti da finanziare

Criteri

Il bando prevedeva la ripartizione dei fondi al 50% tra due tipologie di ricerca tra progetti Theory-Enhancing (ricerca biomedica traslazionale) e Change Promoting (ricerca Clinico-Assistenziale); sono state perciò predisposte graduatorie separate per ogni sezione del bando e tipologia di ricerca.
I fondi disponibili per ogni sezione e tipologia sono stati assegnati senza alcuna rimodulazione della richiesta avanzata in sede di presentazione del progetto, per tutti i progetti in graduatoria con l’eccezione dei progetti che risultavano avere l’ultimo punteggio utile per il finanziamento. L’individuazione di tale punteggio è avvenuta quando, allocando i fondi disponibili in funzione della richiesta presentata, risultava completamente utilizzata la disponibilità. Nell’ambito dei progetti aventi tale score è stata quindi predisposta una sub-ranking list di merito secondo quanto previsto dal bando e individuando come ultimo progetto finanziabile il progetto che risultava solo parzialmente finanziabile con i fondi disponibili. A questo punto una volta individuato il progetto ultimo finanziabile in graduatoria, come sopra specificato, si è provveduto a effettuare un taglio omogeneo per tutti i progetti finanziabili aventi l’ultimo punteggio utile in funzione dei fondi disponibili, secondo quanto riportato.

In caso di score equivalenti è stata quindi utilizzata una subgraduatoria, considerando in via prioritaria e nell’ordine seguente i punteggi assegnati a:

  1. validità scientifica e coerenza della metodologia con gli obiettivi proposti tenuto conto dei dati preliminari presentati e riferimenti bibliografici;
  2. rilevanza del problema/dei quesiti di ricerca affrontati e originalità della proposta in relazione alle conoscenze disponibili;
  3. chiarezza ed appropriatezza della strategia di sviluppo del progetto (dettagliata sui tre anni del progetto);
  4. valutazione dei tempi di ricaduta finale sul paziente.

 

Tale procedura ha determinato i seguenti risultati:

Disponibilità Sezione B - Progetti Cofinanziamento Industriale

5.000.000 €

In tale categoria il Comitato Tecnico Sanitario ha deciso di finanziare i progetti che nella valutazione per Peer Review avessero ottenuto un punteggio paragonabile con quello delle altre categorie, ovverosia con un punteggio massimo di 20 che ha consentito il finanziamento di 5 progetti per un totale di euro 1.637.845. La cifra non utilizzata è stata trasferita per il finanziamento dei progetti ordinari di Ricerca Finalizzata.

 

Disponibilità Sezione A - Ricerca Finalizzata:

32.176.113,8 € comprensivo della quota non utilizzata al punto precedente, che ha consentito il finanziamento di:

  • 43 progetti ordinari di Ricerca Finalizzata per ricerca biomedica traslazionale (theory enhancing) presentati da ricercatori di età superiore ai 40 anni per un totale di euro 18.079.721 con un punteggio massimo di 15,00/55

  • 41 progetti ordinari di Ricerca Finalizzata per ricerca clinica (change-promoting) presentati da ricercatori di età superiore ai 40 anni  per un totale di euro 17.484.134 con un punteggio massimo di 15,00/55.

Disponibilità Giovani Ricercatori fino a 40 anni

44.810.752 €, comprensivo di 86.886 € non utilizzabili nella sezione D) del bando Borse di Studio Starting Grant che ha consentito il finanziamento di:

  • 54 progetti presentati da Giovani Ricercatori (inferiori ai 40 anni di età)  per ricerca biomedica traslazionale (theory enhancing) per un totale di euro 22.405.376 con un punteggio massimo di 16,50/55;
  • 54 progetti presentati da Giovani Ricercatori (inferiori ai 40 anni di età) per ricerca clinica (change-promoting) per un totale di euro 22.405.376 con un punteggio massimo di 20,00/55;



Disponibilità Borse di studio Starting Grant per giovani ricercatori fino a 33 anni

5.000.000 € che ha consentito il finanziamento di:

  • 38 borse di studio per un totale di euro 4.913.114 con un punteggio massimo di 14,00/36 e un residuo di 86.886 € trasferito alla sezione C del bando Progetti Giovani Ricercatori


Per tali progetti per il finanziamento è stato previsto quanto riportato dal bando ovverosia di una borsa di studio a destinatario istituzionale diverso dalle regioni mentre per le regioni una borsa di studio ogni 500.000 abitanti con un minimo di 1 e un massimo di 8.

Per quanto riguarda il calcolo per l’attribuzione del numero massimo di borse di studio per le regioni sono stati utilizzati i seguenti dati ISTAT disponibili alla data del finanziamento.

RegionePopolazioneBorse SG finanziabili
Piemonte4,375,8658
Valle d'Aosta126,2021
Liguria1,556,9813
Lombardia10,036,2588
Bolzano527,750 
Trento539,8981
Veneto4,905,0378
Friuli VG1,215,5382
Emilia Romagna4,452,6298
Marche1,531,7533
Toscana3,736,9687
Umbria884,6401
Lazio5,896,6938
Campania5,826,8608
Abruzzo1,315,1962
Molise308,4931
Puglia4,048,2428
Basilicata567,118.001
Calabria1,956,687.003
Sicilia5,026,989.008
Sardegna1,648,176.003


Sul portale ricerca (http://ricerca.cbim.it) tutti i ricercatori che hanno presentato un progetto possono avere accesso con la propria password ai giudizi emessi dai revisori e nelle “Study Session”. I documenti e i verbali delle valutazioni sono disponibili on line.

 

 


I Progetti presentati a giugno 2018 sono stati 1.719 così suddivisi:

  • Progetti Ordinari Finalizzati n. 1.006
  • Progetti Giovani Ricercatori n. 618
  • Progetti Cofinanziati n. 16
  • Progetti Starting Grant n. 79

Consulta:

Le verifiche amministrative sul rispetto dei criteri del bando hanno individuato complessivamente 137 progetti che non hanno rispettato i criteri del bando.

Successivamente si è dato corso alle verifiche dei dati bibliometrici necessarie allo svolgimento della fase di Triage e attribuzione del punteggio del CV prevista dal bando basata su:

  • H-index individuato, utilizzando i codici Scopus AuthorID, ORCID o ResearchID, nei sistemi bibliometrici a disposizione del Ministero della salute nei siti Elsevier/SCOPUS e Clarivate/Web of Science, nell’area di expertise cumulativo del gruppo di ricerca normalizzato (media) sul numero dei componenti del gruppo di ricerca (principal investigator e ricercatori collaboratori con esclsuione del ricercatore under 40 nei progetti RF).
  • Citation Index delle migliori 10 pubblicazioni presentate nella tematica oggetto della ricerca del principal investigator.
  • Citation Index delle migliori 10 pubblicazioni presentate nella tematica oggetto della ricerca degli altri componenti del gruppo di ricerca.

Il Citation Index è stato individuato attraverso l’uso dei codici DOI e Pubmed ID.

Sia gli indici citazionali che l’H-index utilizzato fanno riferimento al valore al netto dalle autocitazioni e tutti i dati acquisiti dai sistemi bibliometrici internazionali che sono stati utilizzati nel calcolo del Triage/CV sono stati comunicati al Principal Investigator attraverso la pubblicazione nell’area riservata del sistema di presentazione dei progetti, per il progetto specifico, prima dell’invio dei progetti alla valutazione dei revisori internazionali.

Tale procedura ha determinato che 334 progetti non sono stati ammessi alla fase di valutazione per Peer Review così suddivisi:

  • Progetti Ordinari Finalizzati n. 197
  • Progetti Giovani Ricercatori n. 137
  • Progetti Cofinanziati Triage: non applicabile per bassa numerosità
  • Progetti Starting Grant: Triage non previsto

I progetti esclusi dalla fase di valutazione per Peer Review sono riportati nella graduatoria finale con il solo score del CV con punteggio da 8 a 10.

Sono stati pertanto inviati alla valutazione Peer Review 1.248 progetti, per le diverse aree previste dal bando:

  • Progetti Ordinari Finalizzati n. 715
  • Progetti Giovani Ricercatori n. 439
  • Progetti Cofinanziati n. 15
  • Progetti Starting Grant n. 79

Il Processo di valutazione e selezione dei progetti di ricerca finanziati dal Ministero della salute si è basato sul principio di netta separazione di ruoli e competenze tra i soggetti deputati alla valutazione dei progetti e l’amministrazione, chiamata a gestire gli aspetti amministrativi, in maniera da garantire massima trasparenza ed imparzialità nell’assegnazione dei fondi.

Il Processo di valutazione è stato svolto secondo le regole previste dalla Peer Review, attraverso l’invito alla collaborazione con il Ministero della salute di revisori internazionali, facenti capo ai più importanti ed avanzati centri di ricerca a livello mondiale. Sono stati invitati 7.243 revisori, hanno accettato di prendere parte alla valutazione 271 revisori, che hanno prodotto un totale di 2.480 valutazioni individuali ed indipendenti (su un totale di 2.496 valutazioni individuali necessarie - 99,3%).

Tale fase di valutazione si è svolta dal 3 settembre 2018 al 15 gennaio 2019.

I valutatori coinvolti sono stati classificati con lo stesso sistema di identificazione dell’area di expertise utilizzato dal Principal Investigator (P.I.) durante la fase di presentazione delle domande. E' stato quindi possibile procedere a un'associazione automatica e casuale tra progetto e revisore, associando l’expertise del revisore rispetto a quella del P.I. tenendo anche conto dell’H-index, senza alcun intervento da parte dell’Amministrazione.

Il sistema di Peer Review utilizzato ha previsto che i progetti, una volta valutati in modo anonimo e indipendente dai due diversi revisori, venissero da questi successivamente riesaminati congiuntamente, mediante una specifica funzione del sito di valutazione, per giungere ad una valutazione e ad un punteggio condiviso, attraverso un confronto tra i revisori denominato “Face to face” o F2F.

Per i progetti Ricerca Finalizzata- Giovani Ricercatori e Cofinanziamento Industriale il punteggio migliore assegnabile risulta di 6 mentre il peggiore risulta di 55 mentre per la sezione D) del bando relativa alle borse di studio Starting Grant il punteggio migliore assegnabile risulta di 4 ed il peggiore di 36.

I particolari del sistema di referaggio e del sistema di F2F sono riportati nel Manuale predisposto per i Referee.

Ad ulteriore garanzia di qualità del processo di valutazione, è proseguita anche per il Bando 2018 la verifica da parte di un gruppo selezionato di revisori italiani (“Editor”, introdotta in via sperimentale con il Bando 2011-2012), che ha avuto il compito di verificare compiutamente la qualità e la coerenza delle valutazioni espresse dai revisori con le Linee Guida alla valutazione delle proposte. Il compito di tale gruppo di editors era quello di segnalre al panel eventuali criticità e non aveva alcuna possibilità di modificare le valutazioni del progetto.

I 19 Editor, che hanno accettato di svolgere questa funzione, hanno avuto accesso al core anonimizzato dei progetti presentati (ma non al CV del P.I. ed alle altre informazioni utili ad identificare i soggetti presentatori del progetto) ed alle valutazioni espresse dai revisori, verificando il 52,9% delle valutazioni espresse dai revisori  e rilevando una parziale anomalia in 459 valutazioni (10,4% dei giudizi esaminati) interessanti 151 progetti (11,4%%), ed una sostanziale difformità dei giudizi espressi rispetto alle indicazioni contenute nelle Linee Guida citate in 47 valutazioni (3,5% dei giudizi esaminati), interessanti un totale di 76 progetti (2,8% dei progetti esaminati). Nell’84,8% dei progetti esaminati, gli editor hanno ritenuto il giudizio espresso pienamente conforme alle Linee Guida alla valutazione delle proposte.

Tutte le osservazioni degli Editor sono state sottoposte all’attenzione delle Study Session di area, ai fini della valutazione finale.

Al termine della fase di referaggio si sono riuniti:

  • la sezione (D) del Comitato Tecnico Sanitario, per la valutazione dei Progetti Ordinari presentati da Giovani Ricercatori e in sessione separata per le valutazione delle proposte per borse di studio Starting Grant;
  • il Gruppo di Consenso, per la valutazione dei Progetti Ordinari di Ricerca Finalizzata e i Progetti Cofinanziati.

Tale comitato è stato costituito in parte da ricercatori italiani operanti all’estero da vari anni e da ricercatori operanti in Italia.

Le Commissioni hanno analizzato tutti i progetti provvedendo al riesame di tutta l’attività di referaggio relativa ai progetti delle rispettive aree e validando lo score finale di ogni progetto.

I commenti e i punteggi analitici espressi nella valutazione per Peer Review nonché le decisioni del Panel di valutazione scientifico finale sono disponibili ai soggetti presentatori nell’area riservata del sito di presentazione. I punteggi finali per ogni singolo progetto sono riportati nella graduatoria specifica che riporta anche le informazioni di finanziamento.

La verifica del rispetto della graduatoria, la metodologia concernente le attività per il sistema di valutazione e i criteri di riparto del finanziamento di seguito descritti e le conseguenti graduatorie sono state approvate dal Comitato Tecnico Sanitario nella seduta del 19 febbraio 2019.


Nell’ambito dell’azione di trasparenza svolta dal Ministero della salute nel settore della ricerca sanitaria, di propria competenza, ed al fine di rendere edotto il pubblico del contenuto sintetico dei progetti di ricerca risultati vincitori nell’ambito dei vari Bandi di Ricerca Finalizzata e Giovani Ricercatori finanziati dal Ministero, presso l’area pubblica della piattaforma del Ministero della salute dedicata alla ricerca denominata workflow della ricerca all’indirizzo http://areapubblica.cbim.it/areapubblica/areaProgetti è possibile consultare  gli abstract dei progetti che saranno finanziati a seguito del presente bando nonché tutti i progetti di ricerca finalizzata finanziati negli anni precedenti.

Gli abstract sono l’estratto delle informazioni presentate in fase di sottomissione da parte dei Principal Investigator e sintetizzano sia le finalità che gli obiettivi che saranno seguiti nello svolgimento dei progetti risultati vincitori nel processo di Peer Review (revisione tra pari) che ha portato alla selezione dei progetti in questione.


Data di pubblicazione: 17 luglio 2019, ultimo aggiornamento 19 luglio 2019

Pubblicazioni   |   Opuscoli e poster   |   Normativa   |   Home page dell'area tematica Torna alla home page dell'area