Per visualzzare correttamente il contenuto della pagina occorre avere JavaScript abilitato.
Vai al sito Valutazione e comunicazione del rischio alimentare
concetto di comunicazione

Il confronto e la consultazione dei cittadini è un principio fondamentale della legislazione alimentare, che mira a fornire ai consumatori le informazioni necessarie per compiere scelte consapevoli in relazione agli alimenti che consumano.

Per raggiungere questo obiettivo, le autorità pubbliche devono adottare provvedimenti opportuni e adeguati per informare i cittadini su natura, gravità ed entità di eventuali rischi contenuti o legati ad alimenti o mangimi e sulle misure necessarie per prevenire, contenere o eliminare tali rischi e devono assicurare un confronto aperto e trasparente con i cittadini, direttamente o attraverso organi rappresentativi. 

La comunicazione del rischio è, appunto, lo scambio interattivo di informazioni e pareri riguardanti gli elementi di pericolo e i rischi, i fattori connessi al rischio e la percezione del rischio, la spiegazione delle scoperte relative alla valutazione del rischio e il fondamento delle decisioni in tema di gestione del rischio.

Il processo coinvolge tutti i portatori di interesse (stakeholder): i responsabili della valutazione del rischio e della gestione del rischio, i consumatori, le imprese alimentari e del settore dei mangimi, la comunità accademica etc.

Nel 2015 l’EFSA ha pubblicato un aggiornamento delle linee guida per la comunicazione del rischio, dal titolo Alimenti: temporale in arrivo? Ricette collaudate per la comunicazione del rischio. Nel 2017 è stato pubblicato un ulteriore aggiornamento, al momento disponibile solo in lingua inglese When food is cooking up a storm. La pubblicazione, rappresenta un’iniziativa congiunta dell’Autorità europea per la sicurezza alimentare e degli organismi nazionali di sicurezza alimentare ed è stata concepita per soddisfare l'esigenza di avere a disposizione una guida pratica per comunicare i rischi rivolgendo una particolare cura ai momenti di “cielo sereno” o, tuttal’al più, “nuvoloso” e lasciando il momento del “temporale” alla comunicazione dovuta nei casi di emergenza.

L’EFSA ha elaborato, inoltre, le raccomandazioni Best practice for crisis communicators, utile riferimento per le autorità nazionali preposte alla sicurezza alimentare degli Stati membri dell'UE. 


Data di pubblicazione: 13 dicembre 2017, ultimo aggiornamento 13 dicembre 2017

Pubblicazioni   |   Opuscoli e poster   |   Normativa   |   Home page dell'area tematica Torna alla home page dell'area