Per visualzzare correttamente il contenuto della pagina occorre avere JavaScript abilitato.
Vai al sito Valutazione e comunicazione del rischio alimentare
immagine di persone in riunione

L'analisi del rischio (Risk analysis) è un principio introdotto dalle organizzazioni mondiali (Codex alimentarius, OIE - Office International des Epizooties - WHO - Organizzazione mondiale della sanità - e accordi SPS - accordi sulle misure sanitarie e fitosanitarie) e indicato dal Regolamento (CE) n. 178/2002 come processo fondamentale alla base della sicurezza alimentare "dai campi alla tavola" (from farm to fork).
L’analisi del rischio è un processo suddiviso in tre fasi tra loro interconnesse, che forniscono una metodologia sistematica per definire provvedimenti o altri interventi a tutela della salute, in modo efficace, proporzionato e mirato:

  1. Valutazione del rischio (Risk assessment) - processo su base scientifica costituito da quattro fasi: individuazione del pericolo, caratterizzazione del pericolo, valutazione dell'esposizione al pericolo e caratterizzazione del rischio. La valutazione è alla base delle scelte successive degli organismi deputati alla gestione dei rischi.
  2. Gestione del rischio (Risk management) - consiste nell'esaminare alternative d'intervento consultando le parti interessate, tenendo conto della valutazione del rischio e di altri fattori pertinenti e, se necessario, compiendo adeguate scelte di prevenzione e di controllo.
  3. Comunicazione del rischio (Risk communication) -  coinvolge tutti i portatori di interesse: responsabili della valutazione del rischio, responsabili della gestione del rischio, consumatori, imprese alimentari e del settore dei mangimi, comunità scientifica. Riguarda lo scambio interattivo, nell'intero arco del processo di analisi del rischio, di informazioni e pareri riguardanti gli elementi di pericolo e i rischi, i fattori connessi al rischio e la percezione del rischio, la spiegazione delle scoperte relative alla valutazione del rischio e il fondamento delle decisioni in tema di gestione del rischio. La comunicazione del rischio si colloca in maniera trasversale tra valutazione e gestione.

La distinzione tra la fase di valutazione e la fase di gestione del rischio è un fondamento della normativa sulla sicurezza alimentare.
A livello comunitario, l’Autorità europea per la sicurezza alimentare (EFSA - European food safety agency), istituita col Regolamento (CE) n.178/2002, offre consulenza e assistenza scientifica e tecnica per la normativa e le politiche dell'Unione europea e svolge attività di valutazione del rischio, confronto con le parti interessate e trasparenza verso i cittadini quali principali consumatori. La gestione del rischio è, invece, svolta dalla Commissione europea. Le due istituzioni sono indipendenti tra loro.

Per approfondire:


Data di pubblicazione: 13 dicembre 2017, ultimo aggiornamento 13 dicembre 2017

Pubblicazioni   |   Opuscoli e poster   |   Normativa   |   Home page dell'area tematica Torna alla home page dell'area