Per visualzzare correttamente il contenuto della pagina occorre avere JavaScript abilitato.
Vai al sito Servizio sanitario nazionale: i LEA
immagine con una dottoressa e una paziente

L’area dell’assistenza distrettuale (Capo III - artt. 3-20 del dPCM 12 gennaio 2017) è caratterizzata dal fatto di svolgersi sul “territorio” – vale a dire NON in regime di ricovero ospedaliero – nell’ambito e sotto la responsabilità dei distretti, organismi costituiti all’interno dell’azienda sanitaria locale per la gestione di numerosi servizi in aree territoriali di dimensioni limitate. Il distretto è dotato, in genere, di autonomia nella gestione delle risorse assegnate ed è diretto da un direttore di distretto.

L’assistenza distrettuale ha un contenuto notevolmente eterogeneo poiché include:

  • Assistenza sanitaria di base, erogata dai medici di medicina generale e dai pediatri di libera scelta;
  • Continuità assistenziale, vale a dire assistenza di base nelle ore notturne e nei giorni prefestivi e festivi, e l’assistenza ai turisti;
  • Emergenza sanitaria territoriale di stabilizzazione delle condizioni del malato e di trasporto presso il presidio ospedaliero, coordinata dalla Centrale operativa 118, e assistenza sanitaria in occasione di maxi emergenze, eventi o manifestazioni;
  • Assistenza farmaceutica, vale a dire erogazione dei medicinali attraverso le farmacie convenzionate e le farmacie direttamente gestite dalle Asl e dagli ospedali;
  • Assistenza integrativa, vale a dire erogazione di dispositivi medici (pannoloni, cateteri, cannule, medicazioni, presidi per diabetici, ecc.) e di alimenti particolari (prodotti senza glutine, prodotti aproteici, latte artificiale, ecc.) a specifiche categorie di pazienti;
  • Assistenza specialistica ambulatoriale, vale a dire prestazioni diagnostiche e terapeutiche erogate dai (o sotto la responsabilità clinica dei) medici specialisti ambulatoriali negli ambulatori e nei laboratori pubblici o privati accreditati, territoriali o ospedalieri (gli ambulatori e i laboratori specialistici svolgono attività distrettuale anche se fisicamente collocati all’interno di strutture ospedaliere);
  • Assistenza protesica, vale a dire erogazione di protesi, ortesi, ausili tecnologici e dispositivi medici a persone con disabilità permanenti;
  • Assistenza termale, vale a dire erogazione di cicli di prestazioni terapeutiche in ambiente termale (fanghi, bagni, docce, inalazioni, nebulizzazioni, ecc.) a specifiche tipologie di pazienti che possono trarre effettivo beneficio;
  • Cure domiciliari alle persone non autosufficienti affette da malattie croniche;
  • Assistenza alle donne, alle coppie, alle famiglie e ai minori, per la tutela della gravidanza e della maternità, la procreazione responsabile, il supporto all’affidamento e all’adozione, la prevenzione degli abusi e della violenza nell’ambito familiare, ecc. (consultori familiari);
  • Cure palliative in ambito domiciliare e residenziale alle persone nella fase finale della vita (Unità di Cure palliative e Hospice);
  • Assistenza diagnostica, terapeutica e riabilitativa in ambito domiciliare, ambulatoriale, semiresidenziale e residenziale, ai minori per la prevenzione e il trattamento di disturbi in ambito neuropsichiatrico e del neurosviluppo (Servizi di neuropsichiatria infantile; comunità terapeutico-riabilitative);
  • Assistenza diagnostica, terapeutica e riabilitativa in ambito domiciliare, ambulatoriale, semiresidenziale e residenziale alle persone con disturbi mentali (Servizi di salute mentale, comunità terapeutico-riabilitative, e socio-riabilitative);
  • Assistenza diagnostica, terapeutica e riabilitativa in ambito domiciliare, ambulatoriale, semiresidenziale e residenziale alle persone con disabilità (Servizi di riabilitazione, strutture di riabilitazione intensive, estensive e di mantenimento delle abilità funzionali);
  • Assistenza diagnostica, terapeutica e riabilitativa in ambito domiciliare, ambulatoriale, semiresidenziale e residenziale alle persone con dipendenze patologiche (Servizi per le dipendenze, comunità terapeutico-riabilitative e pedagogico-riabilitative)

Data di pubblicazione: 30 gennaio 2019, ultimo aggiornamento 30 gennaio 2019

Pubblicazioni   |   Opuscoli e poster   |   Normativa   |   Home page dell'area tematica Torna alla home page dell'area