Per visualzzare correttamente il contenuto della pagina occorre avere JavaScript abilitato.
Vai al sito Fertilità
Immagine di un uomo che pensa

La fertilità maschile può essere compromessa in diverse condizioni quali patologie neoplastiche e terapie antineoplastiche. La crioconservazione degli spermatozoi preserva la fertilità in queste situazioni. Tale metodologia infatti permette di mantenere le cellule e i tessuti a -196°C in azoto liquido per un tempo indefinito.

La preservazione della fertilità, in questi ultimi anni, è diventata di notevole importanza soprattutto nella gestione di questo tipo di pazienti.

La neoplasia, infatti, può indurre effetti diretti o indiretti sulla spermatogenesi:

  • i primi sono causati dalla patologia stessa che può influenzare la funzione dell’apparato riproduttivo mediante alterazioni ormonali e metaboliche
  • mentre i secondi sono determinati dagli effetti negativi associati alla chemio e radioterapia. Tale effetto si correla a sterilità permanente o temporanea

Inoltre, l’epitelio seminifero, come tutti i tessuti ad elevato ricambio cellulare, è estremamente sensibile alle radiazioni ionizzanti che possono indurre gravi danni al DNA. Infatti, la chemioterapia e la radioterapia oltre a bloccare la spermatogenesi, inducono, con meccanismi diversi, frammentazione del DNA con conseguenti alterazioni cromosomiche e geniche responsabili di sterilità, aborti e malformazioni fetali.

Per questo motivo è importante rivolgersi alla Banca del Seme presso i Centri pubblici di crioconservazione dei gameti prima di iniziare le diverse terapie oncologiche.

 


Data di pubblicazione: 20 settembre 2016, ultimo aggiornamento 20 settembre 2016

Pubblicazioni   |   Opuscoli e poster   |   Normativa   |   Home page dell'area tematica Torna alla home page dell'area