Per visualzzare correttamente il contenuto della pagina occorre avere JavaScript abilitato.
Vai al sito Salute della donna
Il diabete è una malattia cronica, in parte evitabile, maggiormente frequente nelle classi socialmente svantaggiate, a larghissima diffusione in tutto il mondo e destinata ad aumentare nel prossimo futuro con il progressivo invecchiamento della popolazione e la sempre maggiore occorrenza delle condizioni di rischio che ne precedono l’insorgenza. Nella donna, in particolare, è possibile l’insorgenza di diabete gestazionale nel corso della gravidanza.
immagine dell'apparecchio che misura la glicemia

Il diabete è una malattia cronica, in parte evitabile, maggiormente frequente nelle classi socialmente svantaggiate, a larghissima diffusione in tutto il mondo e destinata ad aumentare nel prossimo futuro con il progressivo invecchiamento della popolazione e la sempre maggiore occorrenza delle condizioni di rischio che ne precedono l’insorgenza.
Si distinguono:

  • un diabete di tipo 1 (DMT1, anche detto giovanile, 10% dei casi)
  • un diabete di tipo 2 (DMT2, dell’adulto, 90% dei casi).

Sono due patologie distinte, in quanto si caratterizzano per differenti causa, età di insorgenza, sintomatologia di esordio, terapia e possibilità di prevenzione. Il DMT2 è in parte prevenibile modificando gli stili di vita dei soggetti a rischio, il DMT1 può essere difficilmente prevenuto.

I dati riportati nell'annuario statistico Istat 2015 indicano una prevalenza di diabete noto del 5,4%, con un trend crescente negli ultimi anni. Secondo i dati della sorveglianza Passi, la prevalenza di diabetici, cresce con l'età (è inferiore al 2% nelle persone con meno di 50 anni e sfiora il 10% fra quelle di 50-69 anni) ed è più frequente nelle fasce di popolazione socio-economicamente più svantaggiate per istruzione o condizioni economiche, fra i cittadini italiani rispetto agli stranieri, e nelle Regioni meridionali rispetto al Centro e al Nord Italia.


Circa il 6-7% di tutte le gravidanze è complicato da diabete

Un aspetto particolare nella donna è rappresentato dal cosiddetto diabete gestazionale, diagnosticato durante la gravidanza, che in genere regredisce dopo il parto, ma può ripresentarsi a distanza di anni come il DMT2.
Se il diabete gestazionale non è controllato, aumenta il rischio di complicazioni in gravidanza e al parto e/o di malformazioni fetali.
Secondo i dati di prevalenza nazionali ed europei, circa il 6-7% di tutte le gravidanze è complicato da diabete (ogni anno in Italia >40.000 gravidanze). Inoltre, l’aumento di incidenza di diabete tipo 2 nelle donne in età fertile e l’immigrazione da Paesi a elevata frequenza di DMT2 porteranno, nei prossimi anni, a un aumento delle gravidanze in donne diabetiche.

Cosa fare

La prevenzione del DMT2 si identifica con la prevenzione del sovrappeso e dell’obesità, che è possibile tenere sotto controllo attraverso l’adozione di stili di vita sani (corretta alimentazione, regolare attività fisica). Importante è la diagnosi precoce del diabete, per rallentarne la progressione verso le complicanze. Le persone a maggior rischio sono quelle con familiari già malati e quelle in sovrappeso/obese. Anche la gravidanza, soprattutto in donne con tali condizioni di rischio e/o >35aa, è una situazione di rischio aumentato.
Il trattamento della malattia diabetica si basa su tre elementi: dieta, esercizio fisico e/o trattamento farmacologico.

 

Differenze tra Diabete tipo 1 e Diabete tipo 2
 Tipo 1Tipo 2
PrevalenzaCirca 0,5%Circa 5%
Causadistruzione cellule beta del pancreasridotta sensibilità e resistenza all’insulina
Sintomatologia
  • Sempre presente
  • Spesso eclatante e a inizio brusco
Spesso modesta o assente o sfumata
Tendenza alla chetosiPresenteAssente
PesoGeneralmente normaleGeneralmente in eccesso
Età all’esordioBambini o più comunemente <30 anniPiù comunemente >40 anni
Complicanze cronicheNon prima di alcuni anni dopo la diagnosiSpesso presenti al momento della diagnosi
Insulina circolanteRidotta o assenteNormale o aumentata
AutoimmunitàPresenteAssente
TerapiaInsulina necessaria sin dall’esordioDieta, farmaci orali, iniettivi, terapia sostitutiva con insulina

Data di pubblicazione: 21 aprile 2016, ultimo aggiornamento 12 aprile 2017

Pubblicazioni   |   Opuscoli e poster   |   Normativa   |   Home page dell'area tematica Torna alla home page dell'area