In Italia il numero di animali adoperati per la sperimentazione è in continua diminuzione, in linea con i principi di riduzione e sostituzione: si è passati dalle 777.731 unità del 2010 alle 607.097 del 2016, una tendenza che dal 1999 è rimasta costante.          

La Direttiva europea stabilisce che:

  • gli Stati membri raccolgono e pubblicano, con cadenza annuale, le informazioni statistiche sull’uso degli animali e sull’effettiva gravità delle procedure, comprese le informazioni sull’origine e le specie dei primati non umani utilizzati
  • le informazioni statistiche sono trasmesse alla Commissione europea entro il 10 novembre 2015 e successivamente con cadenza annuale
  • la Commissione definisce un modulo comune per la trasmissione dei dati (Decisione 2012/707/UE)

In Italia i responsabili degli stabilimenti utilizzatori comunicano, entro il 31 marzo di ogni anno, i dati statistici sugli animali utilizzati l’anno precedente, come previsto dall’art. 39, comma 3 del Decreto legislativo n. 26/2014.

I dati statistici sono trasmessi dagli utilizzatori al Ministero della salute utilizzando la banca dati nazionale.

Consulta:

Dati pubblicati sulla Gazzetta Ufficiale della Repubblica Italiana (GURI)

Dati pubblicati sulla Gazzetta Ufficiale della Comunità Europea (GUCE)


Data di pubblicazione: 7 aprile 2016, ultimo aggiornamento 14 febbraio 2019

Pubblicazioni   |   Opuscoli e poster   |   Normativa   |   Home page dell'area tematica Torna alla home page dell'area