Per visualzzare correttamente il contenuto della pagina occorre avere JavaScript abilitato.
Vai al sito Cure nell'Unione Europea
Medico che visita una bambina

Se durante un soggiorno temporaneo in un altro Paese UE, SEE e Svizzera hai bisogno di cure sanitarie necessarie e urgenti, puoi recarti presso strutture e professionisti sanitari pubblici o privati convenzionati, presentando la Tessera Europea di Assicurazione Malattia - TEAM o il suo certificato sostitutivo, insieme a un documento di identità.

La TEAM ti dà il diritto a ricevere le cure alle stesse condizioni degli assistiti del Paese in cui ti trovi. L’assistenza è in forma diretta e, pertanto, nulla è dovuto, eccetto il pagamento di un' eventuale partecipazione alla spesa (come il ticket in Italia) che è a tuo diretto carico e, quindi, non rimborsabile. Con la TEAM puoi ottenere, oltre alle cure di cui hai bisogno in situazioni di emergenza o urgenza, anche le cure necessarie ma che devi seguire durante il periodo di soggiorno all’estero, di modo che tu non sia costretto a rientrare in Italia per usufruirne.

Nota bene – il costo del trasporto in ambulanza in alcuni paesi è a carico del cittadino. Per l’eventuale richiesta di rimborso si consiglia di rivolgersi alla ASL di appartenenza, presentando gli originali di spesa e la documentazione sanitaria.

Casi particolari

Se non hai con te la Tessera Europea di Assicurazione Malattia - TEAM o il suo certificato sostitutivo, pur avendo il diritto ad ottenerla, e le cure necessarie ed urgenti sono fornite da strutture o professionisti appartenenti al Sistema sanitario del Paese in cui ti trovi, dovrai anticipare le spese.
Al tuo rientro, presentando la documentazione sanitaria e le ricevute di spesa, potrai richiedere alla tua ASL, il rimborso delle spese anticipate, che ti verrà concesso alle condizioni praticate nello Stato di cura, qualora venga accertata l’effettiva necessità delle cure e che esistevano i requisiti necessari per il rilascio della TEAM o del certificato sostitutivo.

Previo accordo con la struttura o il professionista di assistenza, puoi comunque contattare la tua ASL per far certificare al professionista o alla struttura sanitaria, via fax o posta elettronica, che hai diritto alla TEAM; in questo caso non dovrai anticipare le spese e potrai accedere alle cure in forma diretta.

Se le cure necessarie ed urgenti sono fornite da strutture o professionisti privati non convenzionati, dovrai anticipare le spese ma potrai presentare la documentazione alla tua ASL per la valutazione dell’entità del rimborso.

In entrambi i casi, al fine di ottenere il rimborso, sarà necessario presentare alla tua ASL la documentazione sanitaria e le ricevute o fatture relative alle spese sanitarie anticipate.

ATTENZIONE: se sei in possesso della TEAM o del certificato sostitutivo, e le prestazioni sono state richieste a strutture o professionisti sanitari, sia pubblici che privati convenzionati, l’unico pagamento che può essere richiesto in queste situazioni è una compartecipazione alla spesa (come il ticket in Italia), se previsto, a meno che il Sistema Sanitario del paese di cura non preveda normalmente per i propri iscritti il pagamento anticipato delle cure ed il suo successivo rimborso (ma in questi casi, citiamo ad esempio la Francia, il rimborso può essere ottenuto immediatamente dalla locale istituzione competente).

Con la TEAM si ha una tutela da Parte dello Stato di provenienza fino, tale tutela termina nel momento in cui si inizia a lavorare in base ad un contratto di diritto del Paese di soggiorno. In questi casi non si può essere coperti dal proprio SSN e occorre iscriversi presso una Cassa del Paese di temporaneo soggiorno, presentando il modello E104 che rilascia l’istituzione competente.

Qualora le cure necessarie siano state fornite da strutture o professionisti  privati non convenzionati con il SSN, non sarà possibile utilizzare la TEAM in tuo possesso ma si applicano le norme previste dalla Direttiva UE n. 24 del 9 marzo 2011 sui diritti dei pazienti.
Attenzione: Ai fini del rimborso la necessarietà della prestazione deve essere valutata dai sanitari del luogo ove quest’ultima è stata erogata.
Per maggiori informazioni rivolgiti alla tua ASL o consulta: l'assistenza indiretta in Italia.

La Direttiva UE n. 24 del 9 marzo 2011 garantisce agli iscritti al SSN italiano, il diritto ad usufruire di cure nei paesi dell’Unione europea alle stesse condizioni vigenti Italia. Il rimborso verrà concesso alle condizioni previste dalla tua ASL.


Data di pubblicazione: 4 aprile 2014, ultimo aggiornamento 11 ottobre 2019

Pubblicazioni   |   Opuscoli e poster   |   Normativa   |   Home page dell'area tematica Torna alla home page dell'area