Per visualzzare correttamente il contenuto della pagina occorre avere JavaScript abilitato.
Vai al sito Cure nell'Unione Europea
Medico che riceve un paziente

Gli assicurati in uno dei Paesi dell’Unione Europea che intendono curarsi in Italia possono avvalersi delle strutture e professionisti sanitari del Servizio Sanitario Nazionale Italiano - SSN. Consulta anche I punti di forza del SSN.

Se vuoi venire a curarti in Italia, hai a disposizione due diverse vie per ottenere la copertura dei costi da parte del tuo Sistema Sanitario, secondo quanto previsto da due normative dell’Unione Europea:

Regolamenti di sicurezza sociale: Assistenza diretta previa autorizzazione. 

Le prestazioni sanitarie erogate dalle strutture sanitarie o dai professionisti, pubblici o privati convenzionati con il SSN sono pagate direttamente dal tuo Sistema sanitario (assistenza diretta). È sempre necessaria una autorizzazione preventiva da parte delle tua Istituzione competente e, se l’autorizzazione viene concessa, non è necessario anticipare le spese, ma è possibile che ti venga richiesta una partecipazione alla spesa (ticket).

Direttiva sui diritti dei pazienti all’assistenza sanitaria transfrontaliera: Assistenza indiretta

È un sistema che non prevede un pagamento diretto da parte della tua Istituzione competente; si devono quindi pagare direttamente le cure e, successivamente, richiedere un rimborso alla stessa Istituzione competente che ti ha autorizzato. Per alcune tipologie di cura (ad esempio ricovero ospedaliero di almeno una notte, ecc.) potrebbe essere necessaria una autorizzazione preventiva per poter ricevere il rimborso.

Le due vie (Regolamenti e Direttiva) possono prevedere differenze nelle procedure e nei criteri di copertura dei costi. È opportuno quindi informarsi bene, contattando l’Istituzione competente o il National Contact Point del tuo Paese, anche perché le normative dell’UE possono trovare specifiche modalità di applicazione nello Stato in cui sei assicurato e possono essere integrate da specifiche norme nazionali.

Qualunque sia il sistema che scegli, è opportuno contattare sempre la struttura o il professionista di assistenza individuato, per avere informazione sui tempi di attesa, sulle opzioni terapeutiche e, se scegli l’assistenza indiretta, su quanto dovrai pagare per le cure.

Ti informiamo che non è possibile utilizzare la European Health Insurance Card - EHIC per ottenere i rimborsi per queste tipologie di cure (cure programmate). L’uso della EHIC è infatti limitato alle cure necessarie in situazioni di necessità ed urgenza quando ci si trova all’estero.


Assistenza diretta

 

Questo sistema prevede, in applicazione dei regolamenti di sicurezza sociale, che le persone assistite da uno Stato dell’Unione Europea o da uno degli altri Stati dello Spazio Economico Europeo (Islanda, Liechtenstein, Norvegia) o dalla Svizzera possono ottenere la copertura dei costi per cure programmate presso le strutture pubbliche e private convenzionate con il Servizio Sanitario Nazionale - SSN operanti in Italia, a condizione che le cure di cui si ha bisogno non possono essere ottenute nel proprio Paese entro un lasso di tempo accettabile sotto il profilo medico o in forma adeguata al proprio caso clinico, tenuto conto dell’attuale stato di salute e della probabile evoluzione della malattia.

In generale, i costi delle cure sanitarie vengono coperti soltanto se hai diritto a queste cure in base alla legislazione del paese in cui sei assicurato.

Se ti trovi in queste condizioni, devi richiedere una autorizzazione preventiva alle tue Istituzioni competenti per assicurarti la copertura dei costi per le cure in Italia.

Se l’autorizzazione viene concessa, le tue Istituzioni competenti ti rilasceranno l’attestato S2 con il quale potrai ottenere in Italia le cure autorizzate, i cui costi verranno direttamente coperti dalla tua istituzione competente. L’attestato va presentato alla ASL competente per la struttura sanitaria in cui hai scelto di curarti o, se hai scelto una Azienda Ospedaliera, direttamente ad essa.

Per quanto riguarda la copertura dei costi, questo sistema prevede che si applichino le stesse condizioni previste in Italia, e tuttavia potresti dover pagare una partecipazione alla spesa sanitaria (ticket).

Verifica presso la tua istituzione competente se hai diritto alla copertura di altri costi, quali le spese di viaggio, di alloggio, e le spese per un eventuale accompagnatore la dove previsto.

Nei confronti dei soggetti portatori di handicap, individuati dall’art. 3, comma 3, della Legge 5 febbraio 1992, n.104, che necessitano di cure di neuro riabilitazione, le spese di soggiorno al di fuori dell’ospedalizzazione sostenute dall’assistito e dall’eventuale suo accompagnatore – ove si tratti di assistito minore o non autosufficiente e per il quale il CRR abbia autorizzato l’accompagnatore stesso – in alberghi o in strutture collegati con il centro di altissima specializzazione, sono equiparate a tutti gli effetti alla degenza ospedaliera, qualora non sia prevista l’ospedalizzazione in costanza di ricovero per tutta la durata degli interventi autorizzati, ai sensi dell’art. 4 del DM 3.11.1989, per i quali sia stato emesso, ai fini dell’erogazione dell’assistenza sanitaria, in forma diretta, il modello S2.

In caso di ospedalizzazione, possono essere riconosciute le spese relative al soggiorno dell’accompagnatore, qualora la struttura ospedaliera all’estero attesti la necessità della presenza dell’accompagnatore durante la degenza del suddetto assistito.

Il contributo è riconosciuto dalle Regioni in misura diversa a seconda dei redditi del nucleo familiare, secondo le modalità previste all’art. 2, comma 1, dell’Accordo Stato-regioni 6 febbraio 2003.


Assistenza indiretta


Questo sistema non si applica alle seguenti tipologie di cure:

  • assistenza sanitaria di lunga durata (il cui scopo è sostenere le persone che necessitano di assistenza nello svolgimento di compiti quotidiani e di routine)
  • assegnazione e accesso agli organi ai fini dei trapianti
  • programmi pubblici di vaccinazione contro le malattie contagiose.

Qualora tu voglia ottenere la copertura dei costi per questo tipo di cure in Italia, dovrai seguire le procedure previste per ottenere l’assistenza diretta (Regolamenti) o altre normative vigenti nel tuo Paese.

Diversamente dai Regolamenti, questo sistema (Direttiva) ti garantisce di usufruire di cure nei Paesi dell’Unione alle stesse condizioni vigenti nel Paese in cui sei assicurato. Questo vuol dire che:

  • le cure rimborsabili sono solo quelle garantite dal tuo Sistema sanitario
  • il rimborso è di norma pari al costo che il tuo Sistema sanitario avrebbe sostenuto se le cure fossero state erogate nel tuo Paese, senza superare il costo totale della cura (salvo diversa indicazione del tuo paese di provenienza).

La copertura dei costi delle cure avviene di norma in modalità indiretta; dovrai quindi pagare anticipatamente le cure e richiedere un rimborso alla tua Istituzione competente.

Per avere il rimborso per determinate tipologie di cure potrebbe essere necessario ottenere una autorizzazione preventiva da parte della tua Istituzione competente (ad esempio il ricovero ospedaliero di almeno una notte, ecc).

Le cure rimborsabili possono essere fornite anche da strutture private o professionisti non convenzionati con il Servizio Sanitario Nazionale Italiano - SSN.

Maggiori informazioni sui tuoi diritti, sulle autorizzazioni e rimborsi e sulle procedure da seguire possono essere richieste alla tua Istituzione competente o anche al National Contact Point del Paese in cui sei assicurato.

Costi e Rimborsi 

Le strutture private o i professionisti di assistenza sanitaria operanti in Italia, pubblici, convenzionati con il SSN e privati sono tenuti ad applicare le stesse tariffe che applicano ai pazienti italiani.

Informati presso il prestatore di assistenza sanitaria che hai scelto per sapere quanto dovrai pagare per le cure di cui hai bisogno.

Ti segnaliamo che in Italia, nell’ambito del servizio pubblico, i professionisti sanitari possono operare anche in regime privato al di fuori del normale orario di lavoro (Intramoenia). In questo caso le tariffe possono essere più alte, a fronte di tempi di attesa differenti. Ti consigliamo di accertare al momento della prenotazione quale tipo di tariffa venga applicata.

Il rimborso per assistenza indiretta previsto dalla normativa dell’UE per le spese sanitarie è, di norma, pari al costo che il tuo Sistema sanitario avrebbe sostenuto per le prestazioni di cui vuoi usufruire, senza superare il costo effettivo delle cure. Il rimborso della eventuale differenza con quanto hai speso, piuttosto che di altre spese diverse da quelle sanitarie (viaggio, accompagnamento laddove previsti etc.) è regolato dalla normativa del tuo Paese.

Conserva la documentazione sanitaria e le fatture o le ricevute di pagamento: saranno necessarie per richiedere il rimborso alla Istituzione competente del tuo Paese.

Maggiori informazioni sui tuoi diritti e sulle procedure da seguire possono essere richieste alle tua Istituzione competente o anche al National Contact Point del Paese in cui sei assicurato.


Data di pubblicazione: 4 aprile 2014, ultimo aggiornamento 11 ottobre 2019

Pubblicazioni   |   Opuscoli e poster   |   Normativa   |   Home page dell'area tematica Torna alla home page dell'area