Il Nucleo di valutazione e di verifica degli investimenti pubblici del Ministero della salute è stato istituito in attuazione dell'articolo 1 della Legge 144/1999, nel contesto più ampio di rilancio delle politiche di investimento del Paese è stato costituito con Decreto Ministeriale del 27 settembre 2000, aggiornato poi con successivi decreti fino al Decreto Ministeriale del 14 aprile 2015, il Nucleo è collocato nella Direzione generale della programmazione sanitaria.

Gli articoli 1 e 12 del DPR 28 marzo 2013, n. 44 “Regolamento recante il riordino degli organi ed altri organismi, operanti presso il Ministero della salute” confermano il Nucleo di valutazione e Verifica degli investimenti pubblici quale organismo interno al Ministero.

Funzioni

Il Nucleo collabora con le Regioni nelle fasi di programmazione, valutazione, attuazione e verifica di piani e programmi di investimenti in edilizia e tecnologie sanitarie di cui all'art. 20 della L. 67/88. In particolare supporta le Regioni, specialmente quelle in difficoltà e in ritardo rispetto all'attuazione dei programmi di investimento (art. 20, legge 67/88, art. 71 legge 448/98 interventi nelle grandi città, hospice, libera professione intramoenia, ecc.) al fine di rafforzarne le capacità tecnico-amministrative, progettuali e manageriali, per garantire il superamento dei gap esistenti nel Paese, anche attraverso la predisposizione di strumenti metodologici, condivisi con le Regioni (come la Mexa-metodologia per la formulazione e la valutazione di Documenti programmatici e la Scheda di valutazione delle proposte di Accordo, sulla quale è stata sancita l'intesa in Conferenza Stato-Regioni nel  2008).

Il Decreto Ministeriale del 14 aprile 2015 ha confermato l'attribuzione al Nucleo del parere obbligatorio su:

  • accordi di Programma con le Regioni per l'utilizzo dei finanziamenti ex art. 20 L 67/88 e relative rimodulazioni;
  • programmi di intervento e progetti relativi agli IRCCS (Istituti di Ricerca e Cura a Carattere scientifico), Policlinici Universitari, Istituti zooprofilattici, Ospedali classificati;
  • tutti gli interventi di realizzazione di nuovi ospedali e i progetti di ristrutturazione che superano il tetto di spesa di € 40.000.000,00.

Per quanto riguarda i Fondi strutturali europei assicura l’estensione e l’integrazione delle metodologie e delle tecniche dei fondi strutturali all’insieme dei programmi di investimento in sanità e dei progetti attuali a livello territoriale.

Il Nucleo opera anche attraverso l'attuazione di Tavoli tecnici di confronto, workshop e convegni finalizzati anche alla individuazione e alla diffusione, a livello nazionale e internazionale, di buone pratiche presenti nel Paese in termini di qualità progettuale e gestionale ospedaliera e socio-sanitaria.

Inoltre il Nucleo partecipa alle attività del Sistema nazionale di valutazione per il sostegno e l’indirizzo tecnico metodologico finalizzato a migliorare e valorizzare le attività di valutazione.

Dalla data di ricostituzione (2015), il Nucleo di valutazione ha analizzato e approvato i programmi delle Regioni Lazio (Ristrutturazione del Policlinico Umberto I), Marche (costruzione della nuova sede della Lega del Filo d’oro), Piemonte (Città della salute di Novara), (Parco della salute di Torino), Basilicata (approvazione Accordo di programma), Umbria (approvazione Accordo di programma),  Abbruzzo (approvazione Accordo di programma con riserva) e Lazio (approvazione  Accordo di programma).

Nell’ambito della semplificazione della documentazione di presentazione degli Accordi di programma è in atto, in collaborazione con le Regioni, la revisione della Mexa-metodologia per la formulazione e la valutazione di Documenti programmatici e la Scheda di valutazione delle proposte di Accordo per la quale, una volta completata la fase istruttoria dovrà essere approvata mediante intesa da sottoscrivere in sede di Conferenza Stato-Regioni.

Composizione

La composizione del Nucleo attua la volontà espressa dal legislatore di far emergere e valorizzare le professionalità presenti all’interno della Pubblica Amministrazione. 

Il Nucleo è composto da:

  • tre rappresentanti del Ministero della salute,
  • tre esperti designanti dal Ministero della salute,
  • quattro esperti delle regioni, designati dalla Conferenza permanente per i rapporti tra lo Stato, le Regioni e le provincie autonome di Trento e Bolzano,
  • tre esperti designati dall’Agenzia nazionale per i servizi sanitari regionali

Il Nucleo è stato ricostituito con Decreto ministeriale del 14 aprile 2015.

Elenco componenti

  • dott.ssa Silvia Arcà rappresentante del Ministero della Salute;
  • dott.ssa Veronica Vecchi, esperto designato dal Ministro della Salute;
  • arch. Tiziana Ferrante, esperto designato dal Ministro della Salute;
  • dott. Fabio Rombini, Regione Emilia Romagna, designato dalla Conferenza permanente per i rapporti tra lo Stato, le regioni e le Province Autonome di Trento e Bolzano; 
  • dott.  Giuseppe Diego dalla Muta Regione Lombardia, designato dalla Conferenza permanente per i rapporti tra lo Stato, le regioni e le Province Autonome di Trento e Bolzano;
  • dott. Antonio Canini, Regione Veneto, designato dalla Conferenza permanente per i rapporti tra lo Stato, le regioni e le Province Autonome di Trento e Bolzano;
  • dott. Francesco Marcone, esperto designato dall’Agenzia Nazionale per i Servizi Sanitari Regionali;
  • arch. Amelia Mutti, esperta designata dall’Agenzia Nazionale per i Servizi Sanitari Regionali;
  • dott. Giampaolo Grippa, esperto designato da Agenas 

Data di pubblicazione: 11 aprile 2007, ultimo aggiornamento 30 maggio 2018

Pubblicazioni   |   Opuscoli e poster   |   Normativa   |   Home page dell'area tematica Torna alla home page dell'area