L'art. 71, comma 1, della legge n. 448 del 23 dicembre 1998 ha previsto un Piano straordinario per la realizzazione di interventi di riorganizzazione e di riqualificazione dell’assistenza sanitaria in alcuni grandi centri urbani, tenendo in particolare considerazione quelli situati nelle aree centro-meridionali.

A tal fine sono stati stanziati circa € 1.239.497.000,00 per la realizzazione dei programmi presentati dalle Regioni ed approvati dalla Conferenza permanente per i rapporti tra lo Stato, le Regioni e le Province autonome.

La Conferenza Unificata (ex art.8 del D.Lgs. 28 agosto 1997, n. 281) nella seduta del 5 agosto 1999 ha individuato i 20 grandi centri urbani in cui realizzare gli interventi: Roma, Milano, Napoli, Torino, Genova, Palermo, Bologna, Firenze, Catania, Bari, Venezia, Taranto, Reggio Calabria, Cagliari, Perugia, Ancona, L’Aquila, Campobasso, Potenza e Catanzaro. Proprio per favorire maggiormente le Regioni meridionali per alcune di esse, cioè Puglia, Calabria e Sicilia, nel programma sono presenti due città.

Il comma 2 dell' art. 71 aveva inoltre disposto l’istituzione di una Commissione presso la Conferenza permanente per i rapporti fra lo Stato e le Regioni e le province autonome di Trento e Bolzano, da nominarsi da parte del Ministro della Sanità, d’intesa con la Conferenza stessa, con il compito di valutare i progetti presentati dalle Regioni.                                                       

La Commissione, istituita con D. M. 16 giugno 2000, composta da rappresentanti del Ministero della Sanità, delle Regioni e dell’Associazione Nazionale dei Comuni Italiani (ANCI), ha provveduto all’istruttoria dei progetti elaborati dalle Regioni e Province autonome. La suddetta Commissione ha concluso l’attività istruttoria il 14 dicembre 2000 con la predisposizione di una relazione sui progetti presentati.
La proposta di riparto delle risorse alle Regioni, definita sulla base dei vari progetti prodotti, ha acquisito l’intesa della Conferenza unificata in data 22 marzo 2001.                                         


Il D.M. 5 aprile 2001 ha formalizzato i progetti regionali beneficiari del finanziamento e ha proceduto alla ripartizione delle relative risorse finanziarie per l’intera cifra di 1.239.496.557,82 euro.                                   

Dalla data di pubblicazione del citato decreto, le Regioni avevano 30 giorni per adeguare la propria progettazione alle valutazioni espresse dalla Commissione paritetica o per aggiornare i propri programmi.
Oltre tale importo la Legge prevede che le Regioni contribuiscono per una somma al minimo pari al 30% del finanziamento complessivo. 

In data 13 febbraio 2002, in base all’art. 3, comma 2 del D.M. 5 aprile 2001,  è stato istituito il Nucleo Interregionale, composto da rappresentanti Regionali e dirigenti della Direzione Generale della programmazione sanitaria. Il Nucleo Interregionale ha esaminato la documentazione fornita dalle Regioni ed ha approvato i programmi presentati.

Il Ministero, una volta acquisita la documentazione aggiornata, entro 30 giorni ha provveduto ad erogare il 5% del finanziamento in anticipazione, per consentire alle Regioni di procedere alla progettazione esecutiva e all’avvio degli interventi.                               

Le erogazioni finanziarie sono liquidate a fronte di specifiche richieste regionali che attestano la spesa sostenuta e l’avanzamento dei lavori sugli interventi oggetto del piano straordinario di riqualificazione dell’assistenza sanitaria nei grandi centri urbani.

Rispetto agli stanziamenti inizialmente previsti dal D.M. 5 aprile 2001, il programma ha subito, a seguito della Legge Finanziaria 2006, una decurtazione di fondi pari a 64 milioni di euro ripartita tra le Regioni Lombardia, Piemonte, Puglia, Calabria, Basilicata e Abruzzo.

Per conoscere per ciascuna città interessata gli impegni totali iscritti a bilancio, l’importo erogato e la percentuale dell’importo erogato rispetto all’impegno, consulta la tabella Stato di avanzamento del programma.

 


La tabella rappresenta lo stato di avanzamento del programma articolo 71 legge 448 del 1998, evidenziando per ciascuna Regione beneficiaria:

  • la città interessata;
  • gli impegni totali iscritti a bilancio dopo la decurtazione di 64 milioni di euro;
  • l’importo erogato;
  • la percentuale dell’importo erogato rispetto all’impegno.

 

La percentuale dell'importo erogato varia in rapporto alle specifiche richieste regionali presentate, che attestano la spesa sostenuta e l’avanzamento dei lavori sugli interventi oggetto del piano straordinario di riqualificazione dell’assistenza sanitaria nei grandi centri urbani.


Ultimo aggiornamento: settembre 2017

Regioni

Impegni iscritti in bilancio

Importo erogato

fino a settembre 2017

% importo erogato

Piemonte - Torino90.512.689,6634.003.820,3237,57
Lombardia - Milano100.523.370,8473.346.937,6272,97
Veneto - Venezia27.121.467,2427.121.467,24100,00
Liguria - Genova86.162.505,2745.169.773,8252,42
Emilia Romagna - Bologna98.579.781,6898.579.781,68100,00
Toscana - Firenze83.502.363,7470.610.588,6184,56
Marche - Ancona39.316.169,4728.334.512,6272,07
Umbria - Perugia31.090.337,9331.090.337,93100,00
Abruzzo - L'Aquila15.224.503,5215.224.503,52100,00
Lazio - Roma208.491.486,36105.704.353,3750,70
Campania - Napoli59.024.881,4858.927.732,1999,84
Molise - Campobasso22.537.612,7822.537.612,78100,00
Basilicata - Potenza24.608.628,3624.608.628,36100,00
Puglia - Taranto17.097.968,1316.028.059,4993,74
Puglia - Bari27.774.988,1717.471.981,5362,91
Calabria - Reggio Calabria17.558.139,6017.558.139,60100,00
Calabria - Catanzaro17.571.984,6817.571.984,68100,00
Sicilia - Palermo96.166.712,6052.455.898,0554,55
Sicilia - Catania89.702.600,5170.611.521,2278,72
Sardegna - Cagliari23.818.570,5817.408.640,1773,09
Totale1.176.386.762,60844.366.274,8071,78

Data di pubblicazione: 21 marzo 2007, ultimo aggiornamento 13 novembre 2017

Pubblicazioni   |   Opuscoli e poster   |   Normativa   |   Home page dell'area tematica Torna alla home page dell'area