Per visualzzare correttamente il contenuto della pagina occorre avere JavaScript abilitato.
Vai al sito Governo clinico e sicurezza delle cure
immagine di una checklist

Sulla base delle raccomandazioni “Guidelines for Surgery” (pdf), l’OMS ha costruito una checklist per la sicurezza in sala operatoria contenente 19 item, quale strumento guida per l’esecuzione dei controlli, a supporto delle équipe operatorie, con la finalità di favorire in modo sistematico l’aderenza all’implementazione degli standard di sicurezza raccomandati per prevenire la mortalità e le complicanze post-operatorie.
Tale strumento sostiene sia i cambiamenti di sistema, sia i cambiamenti dei comportamenti individuali rafforzando gli standard per la sicurezza ed i processi di comunicazione, contrastandone i possibili fattori di fallimento.

La checklist è stata oggetto di sperimentazione in un recente studio prospettico, condotto su un campione di otto ospedali di diversi Paesi, dallo studio è emerso che l’implementazione della checklist è associata ad una concomitante riduzione del tasso di mortalità e delle complicanze post-operatorie.

A fronte dei diversi limiti dello studio, i risultati osservati suggeriscono che l’utilizzo della checklist può migliorare la sicurezza dei pazienti e ridurre il numero di morti e di complicanze post-operatorie.

Dalle indicazioni OMS, il Ministero ha adattato la checklist alla propria realtà nazionale ed ha aggiunto ai 19 item dell’OMS un ulteriore item riguardante il controllo del piano per la profilassi del tromboembolismo venoso.

La checklist include 3 fasi (Sign In, Time Out, Sign Out), 20 item con i controlli da effettuare nel corso dell’intervento chirurgico e le relative caselle da contrassegnare dopo l’avvenuto controllo.

I 20 controlli da effettuare nel corso dell'intervento chirurgico (scarica scheda in pdf)

Fasi della checklist Controlli

SIGN IN

Quando:
prima dell'induzione dell'anestesia

Chi:
è richiesto il coinvolgimento di tutti i componenti dell'équipe

  1. il paziente ha confermato identità, sede di intervento, procedura e consensi
  2. conferma marcatura del sito di intervento
  3. conferma dei controlli per la sicurezza dell’anestesia
  4. conferma posizionamento del pulsossimetro e verifica del corretto funzionamento
  5. identificazione rischi allergie
  6. identificazione rischi difficoltà di gestione delle vie aeree o rischio di aspirazione
  7. identificazione rischio di perdita ematica

TIME OUT

Quando:
dopo l'induzione dell'anestesia e prima dell'incisione
chirurgica per confermare che i diversi controlli siano
stati eseguiti

Chi:
è richiesto il coinvolgimento di tutti i componenti dell'équipe

  1. si sono presentati tutti i componenti dell’équipe con il proprio nome e funzione
  2. il chirurgo, l’anestesista e l’infermiere hanno confermato identità del paziente - sede d’intervento - procedura - corretto posizionamento
  3. criticità chirurgo
  4. criticità anestesista
  5. criticità infermiere
  6. conferma profilassi antibiotica eseguita negli ultimi 60 minuti
  7. visualizzazione immagini diagnostiche

SIGN OUT

Quando:
si svolge durante o immediatamente dopo la chiusura della ferita chirurgica e prima che il paziente abbandoni la sala operatoria

Chi:
è richiesto il coinvolgimento di tutti i componenti dell'équipe

  1. conferma nome della procedura effettuata e sua registrazione
  2. conferma conteggio finale di garze, bisturi, aghi e altro strumentario chirurgico
  3. conferma etichettatura del campione chirurgico
  4. conferma problemi relativamente all’uso di dispositivi medici
  5. chirurgo, anestesista e infermiere revisionano gli aspetti importanti e gli elementi critici per la gestione dell’assistenza post operatoria
  6. conferma del piano per la profilassi del tromboembolismo veno

Data di pubblicazione: 10 novembre 2011, ultimo aggiornamento 29 ottobre 2019

Pubblicazioni   |   Opuscoli e poster   |   Normativa   |   Home page dell'area tematica Torna alla home page dell'area