L’articolo 4 della Legge 257/92 prevedeva l'istituzione della Commissione per l valutazione dei problemi ambientali e dei rischi sanitari connessi all’impiego dell’amianto”. 

Portato a termine, in ordine di tempo, l’ultimo mandato 2002-2005 con proroga dicembre 2006, si è conclusa la produzione di documenti tecnici affidati ad essa come compiti fondamentali, venendo meno pertanto il sostegno da parte delle principali Amministrazioni interessate a mantenerne la struttura, anche in considerazione della mancanza di rappresentatività al suo interno delle Regioni che, con la modifica del titolo V della Costituzione, avevano acquisito competenze concorrenti con quelle dello Stato. 

Risultate inefficaci e macchinose le richieste di modifica degli articoli 4 e 5 della legge 257/92, per prevedere un nuovo assetto partecipativo e nuovi compiti da affidare alla Commissione, con il DM 8 aprile 2008, il Ministero della salute ha inteso mantenere tuttavia vivo l’interesse per le tematiche rimaste in sospeso e mettere in luce le nuove problematiche emergenti.

Nel prevedere la formula del "Gruppo di studio" si è inteso avere uno strumento propositivo agile e di confronto con la partecipazione diretta anche del Coordinamento interregionale. 

Il gruppo di studio ha elaborato a gennaio 2012 un rapporto finale, che fotografa lo stato dell'arte della problematica.


Data di pubblicazione: 4 agosto 2010, ultimo aggiornamento 10 aprile 2013

Pubblicazioni   |   Opuscoli e poster   |   Normativa   |   Home page dell'area tematica Torna alla home page dell'area