Per visualzzare correttamente il contenuto della pagina occorre avere JavaScript abilitato.
Vai al sito Rapporti internazionali
Logo World Health Organization - Regional Office For Europe

Annualmente ogni Regione dell’OMS indice un proprio Comitato Regionale - con la partecipazione dei rappresentanti dei rispettivi Stati Membri - incaricato di formulare politiche di carattere regionale, sovrintendere alle attività dell’Ufficio Regionale e promuovere conferenze e altre iniziative di sanità pubblica internazionale.
L’Ufficio Regionale è l’organo amministrativo del Comitato Regionale e ha tra le sue funzioni l’attuazione, in ambito locale e Regionale, delle decisioni dell’Assemblea Mondiale della Sanità e del Consiglio Esecutivo, grazie anche ad una certa autonomia in ambito programmatico ed amministrativo.
A capo di ogni Ufficio Regionale vi è un Direttore Regionale, nominato dal Consiglio Esecutivo d’intesa con il Comitato Regionale; l’incarico, rinnovabile, ha la durata di 5 anni.

Ufficio regionale europeo

L’Ufficio Regionale Europeo dell’OMS lavora affinché tutti i suoi Stati Membri raggiungano gli obiettivi previsti nella Strategia della salute per tutti nel 21° secolo individuando aree di intervento prioritario in ambiti quali la politica sanitaria, l’assistenza sanitaria, la salute materno-infantile, la lotta alle malattie trasmissibili, la prevenzione delle malattie non trasmissibili, l’impatto dell’ambiente sulla salute e lo studio dei determinanti sociali della salute.
In particolare, nella Regione europea importanti risultati sono stati raggiunti nell’ eradicazione della poliomielite, nel contrasto al tabagismo e all’alcolismo, nell’elaborazione di strategie in ambito di ambiente e salute e nella promozione della salute.
L’attuale Direttore Regionale europeo è la dott.ssa Zsuzsanna Jakab (pdf,9.8 Kb), ungherese, in carica dal 1° febbraio 2010.
Consulta l' Organigramma (pdf, 43 Kb)

Comitato Permanente del comitato regionale

Il Comitato Permanente del Comitato Regionale (Standing Committee of the Regional Committee - SCRC) è un sottocomitato del Comitato Regionale Europeo, costituito dai rappresentanti di nove Paesi eletti dal Comitato Regionale per un periodo di tre anni.
Il Comitato Permanente, che si riunisce diverse volte l’anno, agisce a nome e per conto del Comitato Regionale e assicura che le decisioni e le politiche da esso adottate abbiano attuazione; esprime pareri al Comitato Regionale su specifiche questioni da esso espressamente indicate e svolge funzioni consultive nei confronti del Direttore Regionale, ove richiesto, nei periodi intermedi tra due sessioni del Comitato Regionale.

 

 


Il Comitato Regionale Europeo si riunisce ogni anno a metà settembre (nella sede di Copenhagen negli anni dispari e in uno degli Stati Membri a rotazione negli anni pari). In tale occasione, gli Stati Membri formulano politiche sanitarie a livello regionale, forniscono indirizzo e supervisione alle attività dell’Ufficio Regionale e ne approvano il bilancio.

La 66.ma sessione del Comitato Regionale Europeo si è tenuta a Copenaghen (Danimarca) dal 12 al 15 settembre 2016.

I lavori sono stati aperti dalla Direttore Regionale, dr.ssa Jakab, che ha condotto i delegati in un breve viaggio all’interno dello scenario sanitario della Regione Europea dell’OMS, descrivendo i rilevanti risultati conseguiti e delineando le sfide che restano da affrontare e i problemi che perdurano per la salute dei cittadini europei.

Nel suo intervento ha anche dedicato ampio spazio al tema “Migrazioni e Salute”, ringraziando per il ruolo propulsivo svolto dall’Italia sulla questione e nella formulazione della “Strategia ed del Piano di azione sulla salute dei rifugiati e dei migranti nella Regione Europea dell’OMS”; la d.ssa Jakab ha auspicato che possa condurre all’adozione di un quadro di azione a livello globale e ha ricordato l’urgenza di una risposta coordinata ed europea ai problemi di salute dei migranti e dei rifugiati.

Durante la sessione dei lavori sono state discusse questioni di grande rilievo per la sanità pubblica internazionale: le malattie trasmissibili, le malattie croniche non trasmissibili (con particolare riferimento ai maggiori fattori di rischio, quali tabacco, alcol, dieta non salutare, inattività fisica, ipertensione, obesità e fattori ambientali), la salute e il benessere delle donne, la salute sessuale e riproduttiva, il rafforzamento dei sistemi sanitari, l’uso delle evidenze, dell’informazione e della ricerca, l’attuazione del Regolamento Sanitario Internazionale, il nuovo Programma di gestione delle Emergenze Sanitarie, e la salute nell’Agenda 2030 per lo sviluppo sostenibile.

Tra gli adempimenti più importanti vanno ricordati l’approvazione della “Strategia e Piano di azione sulla salute dei rifugiati e dei migranti”; del “Piano di azione per la risposta del settore sanitario alle epatiti virali”, il primo di questo tipo che sia mai stato elaborato”; del Piano di Azione per la risposta del settore sanitario all’HIV”; del Piano d’azione per la salute sessuale e riproduttiva; del Piano di Azione per la Prevenzione e il controllo delle malattie non trasmissibili, della Strategia per la salute e il benessere delle donne e dell’adozione di una risoluzione contenente una serie di azioni per rafforzare “Il quadro di azione per la prestazione di servizi sanitari integrati, centrati sulla persona”.

La delegazione ministeriale italiana ha preso parte attivamente alle varie sessioni dei lavori: sono stati effettuati  nove interventi nel corso della discussione  plenaria e, per la prima volta, è stato affidato alla delegazione italiana il discorso di conclusione dei lavori del Comitato Regionale dell’OMS.

Consulta:


Documenti della 65.ma sessione del Comitato Regionale Europeo (2015):

Documenti 64.ma sessione del Comitato Regionale Europeo (2014):

Documenti 63.ma sessione del Comitato Regionale Europeo (2013):

Documenti 62.ma sessione del Comitato Regionale Europeo (2012):

Documenti 61.ma sessione del Comitato Regionale Europeo (2011):

Documenti 60.ma sessione del Comitato Regionale Europeo (2010):


Data di pubblicazione: 22 luglio 2010, ultimo aggiornamento 6 ottobre 2017

Pubblicazioni   |   Opuscoli e poster   |   Normativa   |   Home page dell'area tematica Torna alla home page dell'area