Il sistema di Mobilità Internazionale si colloca come parte del più vasto sistema di assistenza a carico dello Stato ed ha lo scopo di tutelare, dal punto di vista dell’assistenza sanitaria, gli assistiti che si spostano all’interno degli Stati della Unione Europea, dello Spazio Economico Europeo (Norvegia, Islanda e Liechtenstein), della Svizzera e degli Stati con i quali sono in vigore accordi di sicurezza sociale

Nei Paesi al di fuori dell’U.E. e in cui non vigono accordi bilaterali in materia di assistenza sanitaria, è possibile usufruire della garanzia dell’assistenza sanitaria in forma indiretta: anticipi le spese e poi chiedi il rimborso tramite la Rappresentanza diplomatica italiana all’estero

Assistenza sanitaria garantita per i cittadini italiani, residenti all’estero in Paesi nei quali non vigono accordi in materia sanitaria, che rientrano in temporaneo soggiorno in Italia

L’assistenza sanitaria all’estero, preventivamente autorizzata, è consentita, in via di eccezione, solo per le prestazioni di altissima specializzazione che non siano ottenibili nel nostro Paese tempestivamente o in forma adeguata alla particolarità del caso clinico.
 La procedura da seguire e le informazioni utili per richiedere tale autorizzazione

Le categorie del settore pubblico e privato che possono richiedere assistenza sanitaria all'estero, in forma diretta o indiretta, individuate dal DPR 618/80

Il Ministero della Salute ha predisposto una guida interattiva utile a tutte le persone che si spostano, per ragioni di lavoro, studio, pensione o anche per una breve vacanza, nei vari Paesi del mondo. Lo scopo è quello di fornire informazioni facili da capire sui diritti e gli obblighi nel campo dell’assistenza sanitaria

Elenco dei Centri Regionali di Riferimento legittimati al rilascio del parere o autorizzazione per cure all'estero (ai sensi dell'Art. 3 D.M. 3/11/1989).

Elenco dei tassi di conversione delle monete da applicare, a cura delle Aziende Sanitarie Locali, ai fini del rimborso delle spese sanitarie, sostenute direttamente dagli assistiti, durante un soggiorno temporaneo in uno degli Stati non rientranti nel’area dell’Euro