Home / Temi e professioni / Animali / Sanità animale / Malattie animali / Principali malattie animali / Scrapie (encefalopatia spongiforme degli ovini e dei caprini)

Scrapie (encefalopatia spongiforme degli ovini e dei caprini)

Immagine di pecore

Malattia

La scrapie è una malattia neurodegenerativa appartenente al gruppo delle encefalopatie spongiformi trasmissibili (EST) causata da agenti definiti “prioni”, che colpisce pecore e capre in una forma classica e una forma atipica.

La scrapie, è l’unica encefalopatia animale per la quale è stata scientificamente trovata una stretta connessione con la suscettibilità genetica dei soggetti. Gli ovini, ed ora anche i caprini, portatori di particolari mutazioni presentano differenti gradi di resistenza o suscettibilità alla malattia.

Dati epidemiologici nazionali  

Le informazioni relative al rischio di scrapie in Europa e quindi anche in Italia, oltre alla distribuzione temporale e geografica della malattia sono a disposizione nei Report annuali sulla sorveglianza delle encefalopatie spongiformi trasmissibili dei ruminanti dell’EFSA (European Food Safety Authority) ovvero l’Autorità Europea per la Sicurezza Alimentare.

I dati nazionali sono elaborati e raccolti dal Centro di referenza nazionale per le encefalopatie spongiformi animali con sede a Torino presso l’IZSPLV alimentati dei risultati dei test discriminatiti e di genetica, delle malattie da prioni, svolti presso l’Istituto Superiore di Sanità.

Piani di eradicazione e azioni di controllo

Annualmente sulla base dei risultati della sorveglianza eradicazione e controllo della malattia e degli obblighi comunitari riportati nel reg.(CE) n.999/2001 vengono elaborati i piani di controllo della malattia.

Raccomandazioni

In campo animale, la riduzione dei fattori di rischio negli allevamenti, durante i pascoli, nell’alimentazione e soprattutto la selezione dei soggetti su base genetica, limitano la diffusione dell’agente infettante nell’ambiente e tra i piccoli ruminanti. Benché in campo umano ad oggi non è dimostrata l’origine zoonosica, l’uso di prodotti tracciabili e di sicura provenienza evita ogni possibile forma di contagio ed infezione.




Condividi

  • Facebook
  • Twitter
  • Stampa
  • Invia email

Tag associati a questa pagina


.