Home / Argomenti - Accordi bilaterali / Accordo bilaterale Italia - Libia

Accordo bilaterale Italia - Libia

Anno 2016 – 21 aprile
DICHIARAZIONE CONGIUNTA
tra
il  Ministero della salute della Repubblica Italiana
e
il Ministero della Sanità dello Stato di Libia


Testo della DICHIARAZIONE CONGIUNTA in italiano (pdf, 149 KB) 

Testo della DICHIARAZIONE CONGIUNTA in inglese (pdf, 151 KB) 

Firmata: a Roma il 21 aprile febbraio 2016

Campi di cooperazione: collaborazione tecnico-scientifica nell’ambito della salute, delle scienze mediche, della sicurezza alimentare e della ricerca sanitaria

 


Anno 2010 – 9 dicembre
Memorandum d’Intesa
tra
Il Ministero della Salute della Repubblica Italiana
e
Il Comitato Popolare Generale per la Sanità e l’Ambiente
Della Grande Giamahiria Araba Libica Popolare Socialista
sulla cooperazione nel campo della salute e delle scienze mediche

 

Testo del MEMORANDUM (pdf, 162 Kb)

Firmato: a Roma il 9 dicembre 2010
In vigore: alla data della firma
Durata: cinque anni, salvo rinuncia scritta di una delle due Parti da notificare almeno tre mesi prima della scadenza.

Campi di Cooperazione:

  • rafforzamento dei servizi sanitari;
  • programma di prevenzione per le malattie trasmissibili e non trasmissibili e allerta rapido;
  • banche del sangue e laboratori medici;
  • tumori;
  • trapianti d’organo e di cellule staminali;
  • cardiochirurgia;
  • chirurgia maxillo-facciale;
  • formazione e aggiornamento professionale;
  • politiche farmaceutiche;
  • gestione e direzione di alcuni ospedali;
  • cure di pazienti libici in Italia sulla base di protocolli previamente concordati e ispirati al principio di uguaglianza;
  • collaborazione nel settore della riabilitazione e delle protesi;
  • formazione del personale sanitario (medico, infermieristico, tecnico);
  • realizzazione di workshop scientifici.

Meccanismi di Cooperazione:

  1. scambio di informazioni e documentazione in materia di salute in settori di interesse comune;
  2. scambio di informazioni sulle opportunità di formazione per il personale sanitario e lo sviluppo di programmi di formazione congiunti;
  3. scambio di specialisti per motivi di formazione e consultazione;
  4. contatti diretti e gemellaggi tra istituti e organismi nei due Paesi;
  5. scambio di informazioni sulle nuove apparecchiature, prodotti farmaceutici e sviluppi tecnologici nel campo della salute e delle scienze mediche;
  6. collaborazione per il trattamento di casi clinici difficili, nei settori stabiliti di comune accordo, in base ad accordi stabiliti a priori;
  7. scambio di informazioni su seminari, conferenze, congressi scientifici e simposi a carattere internazionale;
  8. altre forme di cooperazione congiuntamente concordate.



Data di pubblicazione: 16 dicembre 2010 , ultimo aggiornamento 30 settembre 2017



Condividi

Tag associati a questa pagina


Argomenti

.