Il randagismo è un fenomeno che implica una serie di conseguenze che riguardano aspetti igienici, sanitari e sociali. Basti pensare, al riguardo, ai numerosi incidenti stradali causati da animali, abbandonati o randagi e alle patologie che possono essere diffuse anche al bestiame dagli animali randagi.
In Italia, risultano censiti circa 600 mila cani randagi e la causa primaria del randagismo è costituita dall’abbandono dei cani da parte dei proprietari.

La tematica appare di particolare attualità anche in considerazione del fatto che il fenomeno del randagismo si acuisce in modo evidente nel periodo estivo, quando viene favorito da una difficoltà a gestire la presenza dell’animale in villeggiatura e dall’aumento dei cani abbandonati.
Ancora oggi non tutti sanno che l’abbandono di un cane costituisce un reato penalmente perseguito (ai sensi dell’art. 727 del codice penale così come modificato dalla legge n.189/2004).

Allo scopo di sensibilizzare la popolazione contro il gesto incivile di abbandonare i cani anche per il 2009 il Ministero propone la campagna di comunicazione ideata lo scorso anno insieme al noto fotografo italiano Oliviero Toscani.

OBIETTIVI

  • Diffondere la cultura del possesso responsabile, contrastando l’abbandono degli animali d’affezione
  • Informare che l’abbandono di un animale costituisce un reato penale

TARGET

Tutta la popolazione generale, in particolare, i proprietari di cani

STRUMENTI E PIANIFICAZIONE

  • spot TV di 30” trasmesso negli spazi gratuiti messi a disposizione per le pubbliche amministrazioni dal Dipartimento dell’informazione e dell’editoria della Presidenza del consiglio dei ministri sui canali RAI 1, RAI 2 e RAI3 dal 7 agosto fino al 27 agosto
  • affissione statica sugli impianti posizionati sulle principali strade extraurbane e autostrade e negli autogrill, presso le stazioni di servizio e nelle grandi città (Roma, Napoli, Milano, Palermo, Verona). In particolare, sono state considerate soprattutto le zone del Centro-Sud dove, purtroppo, si registrano i dati più elevati sul randagismo
  • in collaborazione con l’ANCI (Associazione Nazionale Comuni Italiani) saranno coinvolti i Comuni italiani con affissioni locali
  • informazione on line sul sito www.salute.gov.it

TONO E MESSAGGIO

Il claim è “Tu di che razza sei? Umana o disumana?”.
La domanda, rivolta idealmente all’uomo dal cane in primo piano nell’immagine della campagna, è un interrogativo di coscienza e punta alla responsabilizzazione dei proprietari e, più generalmente, a promuovere un’adozione consapevole degli animali.

L’interrogativo rovescia provocatoriamente il quesito che di solito l’essere umano si pone davanti ad un cane ed utilizza un tono diretto, un linguaggio semplice, un messaggio chiaro e facilmente comprensibile. Nel messaggio è, inoltre, presente il richiamo al fatto che l’abbandono di un animale costituisce un reato penalmente perseguito.

DURATA DELLA CAMPAGNA

L’attività di comunicazione si concentrerà, opportunamente, nelle settimane in prossimità e in coincidenza del periodo di “esodo” verso le destinazioni di villeggiatura. Per quanto riguarda la durata, la campagna dovrebbe avviarsi entro la metà di luglio e proseguire nel mese di agosto.

Guarda lo spot


Data di pubblicazione: 4 agosto 2009, ultimo aggiornamento 16 ottobre 2012

Consulta le campagne di Cani, gatti e ...

Vai all'archivio completo delle campagne


Consulta l'area tematica: Cani, gatti e ...