Il Ministero della salute ha promosso in tutta Italia una campagna vaccinale pubblica gratuita contro il Papilloma virus (HPV), l’agente virale responsabile del cancro della cervice uterina. L’Italia è il primo Paese europeo a pianificare una strategia di vaccinazioni pubblica gratuita contro l’HPV. Nel 2008, il vaccino è offerto a tutte le 280.000 bambine nate nel 1997. L’obiettivo della campagna di vaccinazione è quello di giungere ad una forte riduzione di questa malattia nelle prossime generazioni. Sarebbe una vittoria senza precedenti nella guerra contro uno dei più terribili nemici delle donne.

Per sensibilizzare sull'importanza della vaccinanzione e per informare sulla campagna di vaccinazione in corso, il Ministero della salute ha predisposto una campagna di comunicazione a partire dal 23 febbraio.

Strumenti

  • uno spot televisivo sui maggiori circuiti televisivi a diffusione nazionale e locale, sui grandi schermi dei circuiti cinematografici Opus e Movie e nelle stazioni aeroportuali del territorio. - “Per le ragazze fra 11 e 12 anni, il vaccino contro l’HPV è gratuito. L’HPV è un virus che può provocare il cancro alla cervice uterina. Per questo vaccinarsi è importante”. Questo il messaggio dello spot del Ministero. Protagoniste del filmato una madre ed una figlia che parlano del vaccino HPV. In chiusura uno speaker invita a consultare il sito del Ministero della salute per gli approfondimenti sull’argomento (guarda il video)
  • uno spot radiofonico - riprende il messaggio dello spot Tv (trasmesso sulle principali emittenti nazionali e locali) Ascolta il messaggio radiofonico

Per l’ulteriore diffusione a livello locale gli spot saranno, successivamente, messi a disposizione delle Regioni.

  • materiale informativo specifico (poster, opuscoli, etc).

Target

Genitori, medici (pediatri di libera scelta, medici di medicina generale, ginecologi) e operatori sanitari per sensibilizzare sui benefici della vaccinazione contro il virus HPV, sulla sicurezza e l’efficacia dei vaccini disponibili, sull’utilità di aderire ai programmi periodici di screening.


Data di pubblicazione: 16 settembre 2008

Consulta le campagne di Salute della donna

Vai all'archivio completo delle campagne


Consulta l'area tematica: Salute della donna