Per visualzzare correttamente il contenuto della pagina occorre avere JavaScript abilitato.
La pagina non è disponibile, tornare in homepage www.salute.gov.it

Versione stampabile   Versione stampabile

Comunicato n. 95
Data del comunicato 17 luglio 2019

Metodi alternativi alla ricerca con animali: si riparte da zero

 

Si è insediato presso il ministero della Salute il gruppo di lavoro per la promozione dei metodi alternativi alla sperimentazione animale, istituito con decreto del ministro della Salute 7 giugno 2019.

Al tavolo, che si prefigge di promuovere metodi alternativi validi all’impiego di animali nella ricerca scientifica, siedono i rappresentanti del ministero della Salute, dell’Istituto Superiore di Sanità, degli Istituti di Ricovero e Cura a Carattere Scientifico (Irccs), del Centro Nazionale delle Ricerche (Cnr), della Conferenza dei Rettori delle Università italiane (Crui) e del Centro di Referenza Nazionale per i metodi alternativi, benessere e cura degli animali da laboratorio presso l’Istituto Zooprofilattico Sperimentale (Izs) Lombardia-Emilia Romagna. Completa il Gruppo di lavoro una componente scientifica di esperti in materia di metodi alternativi, sperimentazione animale e bioetica.

“Si riparte da zero - ha dichiarato il ministro della Salute, Giulia Grillo - I tempi sono cambiati e l’indirizzo del ministero e di tutto il Governo è chiaro: un tema così delicato richiede competenza, stimolo e accelerazione nel processo di rinnovamento dei metodi di ricerca che utilizzano gli animali. Vogliamo verificare i metodi più attendibili per un cambio di passo importantissimo con l’obiettivo di una reale protezione degli animali. È questa la strada che vogliamo esplorare, confrontandoci in modo serio e puntuale su un tema giustamente sentito. Questo gruppo di lavoro - ha aggiunto il ministro - rappresenta un luogo privilegiato di incontro tra le istituzioni e le massime eccellenze nazionali a livello scientifico. Ai componenti chiedo di elaborare una progettualità e un metodo di lavoro per lasciare a chi arriverà dopo di noi un’eredità scientifica e culturale applicabile e di ampio respiro. Per questo dobbiamo portare avanti un modello condiviso con progettualità precisa e un cronoprogramma delle attività”.

Il ministro ha richiesto un cronoprogramma dei lavori e uno sforzo di sintesi per arrivare a breve ai primi risultati. Nel corso della riunione d’insediamento il gruppo di lavoro ha nominato presidente la dott.ssa Silvia Dotti del centro di referenza nazionale per i metodi alternativi, benessere e cura degli animali da laboratorio presso l’IZS Lombardia-Emilia Romagna.

Data di pubblicazione: 17 luglio 2019, ultimo aggiornamento 17 luglio 2019