Vai allo slideshow

L’udito è uno dei preziosi cinque sensi e influisce sullo sviluppo educativo, professionale e sociale delle persone. Milioni di adolescenti e giovani adulti corrono il rischio di andare incontro a perdita uditiva a causa di un uso improprio dei dispositivi di riproduzione audio, come smartphones e lettori MP3, e all’esposizione a livelli sonori nocivi nei luoghi di intrattenimento quali locali notturni, discoteche, bar, pub ed eventi sportivi. La tendenza sempre più diffusa di ascoltare musica ad alto volume e per periodi prolungati pone a rischio il nostro udito.
Per sensibilizzare su rischi e prevenzione il 3 marzo l'Organizzazione Mondiale della Sanità celebra il World Hearing Day. In Italia l'associazione Nonno Ascoltami! organizza la II Giornata dell'udito con il patrocinio del Ministero della Salute.


  • Livelli ammessi di esposizione quotidiana al rumore

    Il tempo massimo di ascolto consentito diminuisce con l’aumentare del livello sonoro. L’immagine mostra i livelli di intensità emessi da diverse fonti sonore con l’indicazione della durata d'ascolto massima espressa in ore, minuti o secondi in base all'intensità espressa in dB.

    Il livello di volume "sicuro" che si raccomanda di non superare è inferiore agli 85 dB per un durata massima di ascolto di otto ore giornaliere.


    Link esterni

    - World Hearing Day
  • Tieni il volume basso

    Quando si usano dispositivi di riproduzione audio è possibile ridurre l'intensità sonora. Ti consigliamo di:
    • rispettare i livelli di ascolto sicuro. E’ importante determinare i livelli di ascolto del proprio dispositivo di riproduzione audio e regolare, in ambiente silenzioso, il volume a un’intensità  inferiore del 60% del volume massimo
    • indossare tappi per le orecchie. Quando si frequentano locali notturni, discoteche, bar, eventi sportivi e altri luoghi rumorosi, è bene usare tappi per le orecchie per proteggere l’udito. Ben inseriti i tappi possono aiutare a ridurre notevolmente i livelli di esposizione
    • utilizzare cuffie e auricolari regolabili e,  se possibile, con soppressore del rumore. Se adatti a chi li utilizza, auricolari e cuffie permettono l’ascolto della musica in maniera chiara a più bassi livelli di ascolto. Gli auricolari e le cuffie con soppressore del rumore riducono il rumore di sottofondo, in modo da consentire di ascoltare suoni a intensità più basse.
  • Limita il tempo di esposizione al rumore

    La durata dell'esposizione al rumore è uno dei fattori chiave che contribuisce ai livelli di energia sonora complessiva. Esistono diversi modi per ridurre la durata di esposizione. Ti consigliamo di:
    • fare brevi pause durante l'ascolto. Quando si frequentano  locali notturni, discoteche, bar, eventi sportivi e altri posti rumorosi, bisogna fare brevi pause durante l'ascolto per aiutare a diminuire la durata complessiva dell'esposizione al rumore
    • allontanarsi dai suoni troppo forti. Nei luoghi rumorosi, è bene stare il più lontano possibile dalle sorgenti sonore come gli altoparlanti. Spostarsi, all'interno di un locale, in zone più silenziose, può ridurre i livelli di esposizione 
    • limitare l'uso giornaliero di dispositivi personali di riproduzione audio. Nonostante sia importante mantenere il volume basso, limitare l'uso dei dispositivi di riproduzione audio a meno di un'ora al giorno aiuta molto nel ridurre l'esposizione al rumore.
  • Ascolta senza rischi

    La tecnologia degli smartphones può essere utilizzata per misurare i livelli di esposizione al rumore e informare sul rischio di incorrere in una ipoacusia da rumore.
    Esistono delle applicazioni o "app" accessibili dai telefoni che mostrano i livelli di intensità del rumore in decibel e segnalano quando l'esposizione diventa rischiosa.
  • Presta attenzione ai segnali di una perdita uditiva

    Consulta il tuo medico curante ed eventualmente lo specialista in caso di:

    • acufene (percezione di un suono in assenza di un’origine esterna) o di difficoltà nel sentire i suoni ad alta frequenza come campanelli, telefoni, sveglie e altro
    • difficoltà nel comprendere le conversazioni, specialmente al telefono
    • difficoltà nel seguire le conversazioni in ambienti rumorosi, come ristoranti e luoghi di aggregazione sociale.

     

     

  • Fai controlli dell'udito periodici

    Consulta il tuo medico curante per programmare controlli periodici dell’udito anche per identificare l’insorgere di una perdita uditiva fin dallo stadio iniziale.
Le informazioni qui pubblicate non sostituiscono in alcun modo i consigli, il parere, la visita, la prescrizione del medico.

Data di pubblicazione: 3 marzo 2017, ultimo aggiornamento 3 marzo 2017