I Carabinieri del NAS di Roma, nell'ambito delle attività volte a garantire il benessere degli animali da compagnia,  hanno effettuato una  verifica ispettiva presso un canile della provincia, al termine della quale hanno denunciato il responsabile all’Autorità Giudiziaria per il reato di maltrattamento di animali. I militari, nel corso delle verifiche strutturali hanno accertato la presenza di aree abusive prive dei requisiti minimi necessari a garantire condizioni di benessere per gli animali, create al solo scopo di aumentare la capienza del canile e richiedere, così ai Comuni convenzionati il rimborso delle spese sostenute per il ricovero e l’accudimento. I cani, tuttavia, si trovavano in spazi angusti, insufficienti e inadeguati a garantire condizioni minime di benessere e, pertanto, i Carabinieri hanno proceduto al sequestro penale dell’intero canile e di oltre 300 cani di diverse razze e taglia per un valore complessivo di 600.000 euro circa. Il NAS di Roma ha, infine, interessato il locale Servizio veterinario per ricollocare quasi 200 cani - detenuti in esubero rispetto alla reale capacità ricettiva -  in strutture idonee ed autorizzate alla loro custodia in condizioni di benessere.


Vai all'archivio completo delle NASnotizie

Guarda tutti i video dei NAS su Youtube

Data di pubblicazione: 27 marzo 2018, ultimo aggiornamento 27 marzo 2018