Sempre fitta la rete dei controlli dei Carabinieri dei NAS nel settore alimentare.

Il NAS di Pescara ha eseguito un’ispezione presso un ristorante del capoluogo abruzzese, accertando che l’attività di ristorazione avveniva in totale spregio delle regole igienico-sanitarie e strutturali prescritte dalla normativa di settore.

I militari, infatti, hanno riscontrato l’assenza delle autorizzazioni amministrative e sanitarie, gravi carenze igienico-sanitarie e strutturali e la mancata adozione del piano di autocontrollo H.A.C.C.P. necessario a prevenire possibili rischi di contaminazione alimentare con conseguente pericolo per la salute dei consumatori. Per tali ragioni l’Autorità amministrativa, intervenuta su richiesta degli accertatori, ha disposto la sospensione immediata dell’attività di ristorante fino al ripristino delle condizioni di legge.

In provincia di Lucca e Pisa, il NAS di Livorno ha controllato un panificio ed una pasticceria che presentavano i locali e i laboratori in pessime condizioni igienico-sanitarie e strutturali a causa di scrostature di intonaco alle pareti, presenza di sporco accumulato da tempo e diffuso negli ambienti e sulle attrezzature di lavoro nonché di escrementi di roditori e blatte. Anche per il panificio e la pasticceria è scattata la chiusura immediata finalizzata alla eliminazione delle carenze riscontrate, disposta dalle Aziende sanitarie locali interessate dai Carabinieri operanti.

In provincia di Salerno e Napoli, i Carabinieri dei rispettivi NAS hanno sequestrato oltre 100 kg di prodotti di pasticceria (cornetti, brioche, babà) in quanto privi di documentazione atta a stabilirne la tracciabilità, l’origine e la tipologia delle materie prime utilizzate per la loro preparazione.


Vai all'archivio completo delle NASnotizie

Guarda tutti i video dei NAS su Youtube

Data di pubblicazione: 25 gennaio 2018, ultimo aggiornamento 25 gennaio 2018