I Carabinieri del Nas continuano ad accertare la presenza sul territorio italiano di strutture socio-sanitarie abusive ed irregolari le cui carenze si ripercuotono gravemente sulle condizioni di cura e assistenza degli anziani ospiti.

I Carabinieri del NAS di Livorno hanno scoperto che un dirigente di un Comune della provincia di Livorno, abusando delle proprie funzioni, aveva consentito ad una struttura residenziale a carattere comunitario (in quanto tale destinata ad ospitare anziani autosufficienti) di continuare ad ospitare 16 anziani in condizioni di non autosufficienza, la cui presenza veniva accertata dai militari nel corso dell’ispezione, omettendo di adottare specifico provvedimento di sospensione dell’illegittima attività che compete solo alle Residenze Sanitarie-Assistenziali (RSA).

I Carabinieri del NAS di Bologna, a seguito di controlli presso due strutture socio-assistenziali per anziani di Ravenna, hanno denunciato il titolare delle stesse per averle attivate in totale assenza della prescritta autorizzazione.

I NAS ribadiscono l’importanza di svolgere un’attenta verifica preliminare delle condizioni igieniche complessive e della qualità dei servizi e delle prestazioni offerte dalle residenze, al fine di garantire un’assistenza dignitosa, professionale ed adeguata alle condizioni fisiche e mentali delle persone anziane.


Vai all'archivio completo delle NASnotizie

Guarda tutti i video dei NAS su Youtube

Data di pubblicazione: 22 novembre 2017, ultimo aggiornamento 22 novembre 2017