immagine di archivio con carabiniere che analizza dei farmaci

I Carabinieri del NAS Padova, nell’ambito della pianificata strategia di vigilanza sulla vendita di specialità medicinali ad uso umano e veterinario, hanno eseguito controlli presso una parafarmacia e un studio medico della provincia euganea, dove hanno rivenuto e sottoposto a sequestro 73 confezioni di farmaci scaduti di validità, per un valore di circa 2 mila euro.

Il medico ed il titolare della parafarmacia sono stati denunciati all’Autorità Giudiziaria per commercio e somministrazione di medicinali guasti o imperfetti.

Casi come questo per fortuna non sono frequenti in quanto la vendita e somministrazione dei farmaci in Italia è riservata a farmacisti e medici la cui professionalità costituisce garanzia di sicurezza per il paziente che deve assumere un determinato medicinale.

I NAS rammentano, pertanto, di non acquistare farmaci su internet in quanto l’acquisto on-line se può essere conveniente dal punto di vista economico, spesso nasconde una truffa ed espone l’acquirente al rischio molto elevato che il prodotto sia contraffatto e, quindi, pericoloso per la salute. L’acquisto on-line dei farmaci è consentito dalla legge solo per quelli da banco e senza obbligo di ricetta medica, e solo su siti di farmacie certificate che espongono sulla homepage il logo identificativo nazionale, cliccando sul quale si potrà verificare se il venditore è registrato nell’elenco di quelli autorizzati. Gli acquisti su siti non garantiti dall’apposito marchio sono illegali, perseguibili penalmente e molto rischiosi per la salute del cittadino.


Vai all'archivio completo delle NASnotizie

Guarda tutti i video dei NAS su Youtube

Data di pubblicazione: 30 ottobre 2017, ultimo aggiornamento 30 ottobre 2017