Continua la lotta senza quartiere dei Carabinieri del NAS contro l’abusivismo nelle professioni sanitarie e falsi operatori sanitari.

In Campania, i Carabinieri del NAS di Napoli hanno denunciato all’Autorità Giudiziaria il titolare di uno studio odontoiatrico per aver attivato e gestito un ambulatorio privo delle autorizzazioni amministrative e sanitarie prescritte dalla normativa vigente. Al termine dei controlli, gli investigatori del NAS hanno sottoposto a sequestro penale l’intera struttura con relativa poltrona, attrezzature e strumentazioni presenti per un valore di circa 350 mila euro, evitando potenziali rischi per la salute di ignari pazienti che, rivolgendosi allo studio dentistico, si sarebbero potuti sottoporre a cure mediche in assenza della necessaria cornice di sicurezza.

A Ragusa, i Carabinieri del locale Nas hanno denunciato all’Autorità Giudiziaria una donna che svolgeva la professione medica di biologo-nutrizionista senza aver mai conseguito il titolo di laurea abilitativo, esponendo a gravi rischi coloro che richiedevano diete e regimi alimentari specifici legati anche a particolari patologie. I colleghi del NAS di Cosenza hanno ispezionato un centro fisioterapico della provincia il cui amministratore eseguiva trattamenti riabilitativi anche con l’utilizzo di attrezzature mediche senza aver mai conseguito il diploma universitario abilitante. Il falso fisioterapista è stato denunciato all’Autorità Giudiziaria per esercizio abusivo della professione sanitaria.

I NAS ricordano di acquisire sempre informazioni accurate prima di affidarsi a studi dentistici o a centri di fisioterapia.

Data di pubblicazione: 11 ottobre 2017, ultimo aggiornamento 11 ottobre 2017

Vai all'archivio completo delle NASnotizie

Guarda tutti i video dei NAS su Youtube