Il NAS di Brescia, a conclusione delle operazioni di ritiro dal mercato intimato alla società importatrice. ha sequestrato un milione e 500 mila caramelle di colore blu.

L’attività giunge a completamento di un’analoga precedente operazione svolta, in occasione delle festività pasquali, dal NAS di Brescia che portò al sequestro di un primo lotto di 800.000 caramelle dello stesso tipo. La prima segnalazione e l’allertamento anche a livello europeo erano partite, nel precedente mese di marzo, dai Carabinieri del NAS di Bologna i quali, in seguito ai risultati delle analisi dei laboratori IZS di Lombardia ed Emilia Romagna, avevano accertato la presenza del colorante blu brillante (E133) in misura superiore ai limiti consentiti dalla legge. Il consumo di caramelle con il colorante superiore ai limiti consentiti potrebbe provocare nei bambini disturbi come nausea, iperattività, orticaria e insonnia. 

Nella seconda fase degli accertamenti, i Carabinieri del NAS di Brescia, dopo aver intimato alla ditta importatrice il ritiro di altri due lotti di caramelle “irregolari”, hanno sequestrato ulteriori confezioni per un quantitativo complessivo di oltre due milioni di caramelle del valore di 40 mila euro, eliminando dal mercato ogni possibile rischio per la salute del piccolo consumatore.

Brescia, 5 luglio 2014


Vai all'archivio completo delle NASnotizie

Guarda tutti i video dei NAS su Youtube

Data di pubblicazione: 7 luglio 2014, ultimo aggiornamento 7 luglio 2014