A seguito di indagini svolte fra Torino ed il basso Canavese, sulle attività di una piccola industria operante nel settore della torrefazione del caffè ed attualmente in fase di liquidazione, i Carabinieri del NAS di Torino hanno rintracciato, dopo assidue ricerche, un deposito abusivo della ditta, assolutamente sconosciuto alle autorità di vigilanza nel campo alimentare e privo di autorizzazione sanitaria. In tale magazzino di circa mille metri quadri, i militari hanno rinvenuto quattro tonnellate di alimenti tra caffè (prodotto finito e semilavorato) e polveri alimentari per l’industria dolciaria (creme, cioccolato, etc.), che sono stati sottoposti a sequestro unitamente alla struttura. I prodotti erano custoditi fra polvere, ragnatele, insetti e parassiti, in condizioni igieniche e strutturali inadeguate, all’interno di sacchetti di varie dimensioni, in cartoncino o materiale sintetico, in commistione con materiali vari e con macchine per il trattamento e la lavorazione dei prodotti. I sacchetti erano accatastati disordinatamente  a diretto contatto col pavimento del magazzino. Le condizioni d’insieme erano tali da far ipotizzare il reato di detenzione per la vendita di alimenti in cattivo stato di conservazione, per cui è stata interessata la Procura della Repubblica presso il Tribunale di Torino. Il legale rappresentante nonché liquidatore della società è stato denunciato in stato di libertà. Il valore del sequestro ammonta a circa settecentomila euro.


Vai all'archivio completo delle NASnotizie

Guarda tutti i video dei NAS su Youtube

Data di pubblicazione: 30 luglio 2012, ultimo aggiornamento 16 gennaio 2013