Un Carabiniere del NAS intento a controlli documentali

La Sezione Analisi del Reparto Operativo presso il Comando Carabinieri per la Tutela della Salute ha notificato agli “internet providers” un provvedimento con il quale è stato disposto l’oscuramento di cinque siti internet.
L’iniziativa impedirà l’accesso degli utenti italiani a cinque siti web, allocati su “server” extra-europei, che non solo effettuano la pubblicità online di medicinali senza essere in possesso della specifica autorizzazione del Ministero della Salute, ma mettono anche in vendita dei  farmaci  soggetti a prescrizione medica obbligatoria, dispensabili esclusivamente in farmacia.

Anche il NAS di Bari ha effettuato degli accertamenti sulla rete internet. I militari pugliesi, infatti, a conclusione di un’attenta attività investigativa nel settore del commercio illecito di farmaci veterinari sul web, hanno deferito una persona all’Autorità Giudiziaria per esercizio abusivo di una professione. L’indagato è accusato di aver commercializzato, su una piattaforma online, dei farmaci veterinari soggetti ad obbligo di prescrizione medica, senza essere in possesso del titolo abilitante di farmacista.

Il NAS di Alessandria, infine, ha deferito alla Procura della Repubblica di Vercelli la titolare di una farmacia piemontese. Nel corso di un accesso ispettivo i militari hanno rinvenuto 229 confezioni di medicinali di varia tipologia, sprovvisti delle rispettive fustelle adesive, che l’indagata deteneva all’interno dei locali della farmacia senza giustificato motivo.
I Carabinieri hanno proceduto al sequestro penale delle citate specialità medicinali, il cui valore è di 2.500 euro.

 

 

 

 

 

 

 

 


Vai all'archivio completo delle NASnotizie

Guarda tutti i video dei NAS su Youtube

Data di pubblicazione: 21 marzo 2019, ultimo aggiornamento 21 marzo 2019