Carabinieri controllano degli alimenti

I Carabinieri del NAS di Torino hanno denunciato alla competente Autorità Giudiziaria due cittadini rumeni titolari di una ditta di importazione e commercializzazione di alimenti e bevande per aver detenuto 15 tonnellate di prodotti alimentari in cattivo stato di conservazione poichè rinvenute in luoghi non idonei e privi di autorizzazione.

Il NAS di Sassari, invece, ha deferito all’A.G. due persone per frode in commercio. Gli indagati sono rispettivamente il titolare e un dipendente di un’azienda alimentare sarda, e sono accusati di aver messo in vendita degli insaccati etichettandoli come “salsiccia sarda” nonostante sapessero che la loro origine era diversa.

Il NAS di Firenze, nel corso di un’ispezione presso un minimarket gestito da un cittadino cinese, ha proceduto al sequestro sanitario e contestuale campionamento di 155 confezioni di un preparato per bevande e n. 67 confezioni di salsa per cucina tutte di provenienza cinese, per verificarne l’effettiva composizione.

I Carabinieri del NAS di Bologna, nell’ambito dei controlli al settore della filiera delle carni, hanno ispezionato una ditta in provincia di Ravenna riscontrando l’omessa predisposizione e applicazione delle procedure di autocontrollo nonché carenze igienico-sanitarie. Al termine delle operazioni, i militari hanno proceduto al sequestro sanitario di oltre 2 tonnellate di carne stagionata in stato di congelazione e fresca e a contestare violazioni amministrative per un importo pari ad 4 mila €.    

Il NAS di Roma, infine, ha segnalato due persone all’autorità amministrativa per aver detenuto e commercializzato bottiglie d’acqua minerale in condizioni igieniche precarie. Nel corso dell’attività ispettiva i militari hanno sequestrato 12.000 bottiglie della bevanda, per un valore totale di 6.000 euro.

 

 

 

 

 


Vai all'archivio completo delle NASnotizie

Guarda tutti i video dei NAS su Youtube

  • Condividi
  • Stampa
  • Condividi via email

Data di pubblicazione: 23 gennaio 2019, ultimo aggiornamento 23 gennaio 2019