Una busta di veleno per topi “non integra” è stata rinvenuta in una cassetta di legno aperte di lattuga romana, dunque non confezionate,su 110 cassette fornite ad un grossista tedesco da una ditta veneta. Il rinvenimento è avvenuto durante un autocontrollo effettuato dallo stesso grossista, il quale ha informato le autorità tedesche, fornendo la tracciabilità e attivando il richiamo del prodotto per la successiva distruzione. La notifica è avvenuta il 7 marzo scorso attraverso il sistema di allerta della Commisssione UE.

Dalla documentazione della notifica, la lattuga risulta un prodotto non confezionato, ma riposto in cassette di legno aperte, appartenenti ad una ditta campana. Il Ministero della Salute ha allertato gli assessorati della Regione Campania e della Regione Veneto per l’adozione di eventuali misure cautelari.

Il Ministero della Salute non può escludere che la contaminazione possa essere avvenuta nel magazzino del grossista tedesco, atteso che per altro il riscontro è stato effettuato in autocontrollo e non in seguito ad un controllo ufficiale delle autorità tedesche. Pertanto il Ministero della Salute a scopo cautelativo ha avviato tutte le procedure previste e contestualmente ha chiesto alle Autorità tedesche di effettuare controlli anche sulla ditta tedesca.

Consulta le notizie di Sicurezza alimentare

Vai all' archivio completo delle notizie


Consulta l'area tematica: Sicurezza alimentare

Data di pubblicazione: 7 marzo 2013, ultimo aggiornamento 21 marzo 2013