Il 4 aprile 2012 si è svolta la riunione degli organismi di monitoraggio del Piano di Rientro della Regione Abruzzo, al fine di valutare:

  • il risultato di gestione dell’anno 2011 e la relazione sullo stato patrimoniale; 
  • l’attuazione del decreto legislativo n 118/20112011 concernente le disposizioni in materia di armonizzazione dei sistemi contabili e dei bilanci delle Regioni;
  • l’attuazione del DL 98/2011 recante “Disposizioni urgenti per la stabilizzazione finanziaria”; 
  • la verifica annuale di attuazione del Piano di rientro;
  • la verifica adempimenti.

Il risultato di gestione dell’anno 2011, ha evidenziato un avanzo di 4,947 milioni di euro prima delle coperture, ivi ricomprendendo tutti gli ammortamenti non sterilizzati ed eventuali rischi non contabilizzati; tenuto conto delle risorse connesse alla massimizzazione delle aliquote fiscali, l’avanzo è stato poi rideterminato in 60,986 milioni di euro.

In ordine al Programma Operativo 2011-2012 e alla sua attuazione, con riferimento alla verifica annuale 2011, si è registrato il persistere di specifiche criticità riguardo alla rete laboratoristica pubblica, alla rete di emergenza-urgenza e all’assistenza territoriale, in particolare nelle cure ai malati terminali (hospice).

Come previsto, la regione ha trasmesso uno “schema” di  Piano Sanitario Regionale 2011-2012 al fine di acquisire la preventiva valutazione da parte dei Ministeri affiancanti.

Per quanto riguarda la verifica degli adempimenti, si è dato atto che la Regione ha superato la verifica degli adempimenti relativi all’anno 2008.

Consulta le notizie di Piani di rientro

Vai all' archivio completo delle notizie


Consulta l'area tematica: Piani di rientro

Data di pubblicazione: 8 giugno 2012, ultimo aggiornamento 9 gennaio 2013