immagine di operatori in un istituto di ricerca

La sede di Palermo dell’Istituto Zooprofilattico Sperimentale della Sicilia sarà Centro di coordinamento scientifico e tecnico del REMESA. La risoluzione è stata approvata dalla riunione dei Capi dei servizi veterinari dei Paesi dell’area del Mediterraneo nella riunione dello scorso 26 giugno al Cairo, sotto la co-presidenza di Egitto e Cipro.

Dopo aver superato la forte resistenza di alcuni Paesi concorrenti, l’Italia è riuscita a concretizzare il progetto di una sede operativa presso l’IZS della Sicilia che, in virtù dell’accordo, potrà giovarsi di un contesto internazionale di altissimo livello grazie alla cooperazione di esperti nel settore della sanità animale provenienti dalle istituzioni scientifiche dei vari Stati Membri.

Il Coordinamento palermitano si occuperà dello sviluppo delle attività individuate a livello strategico dai Capi dei servizi veterinari e dal Segretariato FAO/OIE del REMESA, lavorando all’identificazione degli orientamenti strategici, alla validazione dei piani di lavoro pluriennali e al controllo dei risultati.

Il REMESA è la rete dei Paesi che si affacciano sul bacino del Mediterraneo per la prevenzione coordinata e armonizzata delle malattie animali, emergenti o consolidate con l’obiettivo di incrementare e salvaguardare lo stato di salute nell’ area del mare nostrum.

Negli ultimi cinque anni si è occupato in modo specifico del controllo e della prevenzione delle malattie animali con particolare attenzione a quelle che possono avere un impatto pericoloso sull’economia degli stati membri della rete.

Consulta le notizie di Sanità animale

Vai all' archivio completo delle notizie


Consulta l'area tematica: Sanità animale

Data di pubblicazione: 1 luglio 2019, ultimo aggiornamento 1 luglio 2019