immagine di un momento dell'assemblea

Il 21 maggio, al Palazzo delle Nazioni Unite a Ginevra, durante la 72ma World Health Assembly (WHA) dell'Organizzazione mondiale della sanità, il ministero della Salute ha sponsorizzato, con altri Paesi, il Side event Nutrition4health.
L’iniziativa ha rappresentato il primo meeting internazionale che il ministero della Salute italiano ha organizzato nell'ambito della Decade di azione sulla nutrizione, con una sorta di “Call” per tutti i Paesi della WHO a partecipare ad un Action Network sulle diete salutari e sostenibili a partire dai principi delle diete tradizionali (per noi italiani rappresentate dalla Dieta Mediterranea).

All'evento ha partecipato Tedros Adhanom Ghebreyesus, Direttore Generale dell’OMS, che in apertura ha sottolineato l’importanza delle politiche sanitarie riguardanti la nutrizione per l’UHC (Universal Health Coverage) e delle iniziative globali ricomprese nella Decade ONU di azione sulla nutrizione.

I lavori, per il Panel dedicato al lancio dell’Action network, sono stati introdotti dal sottosegretario alla Salute, Armando Bartolazzi, che ha sottolineato, i due obiettivi del Side event:

  • comunicare che l’Italia sta dando seguito alla Risoluzione del 1° aprile 2016 United Nations Decade of Action on Nutrition 2016-2025 con l’istituzione già nel 2017, di un Tavolo Italia Decade per la nutrizione al quale partecipano gli altri Ministeri prioritariamente interessati alla materia (MAECI –MIUR, MISE), e gli Istituti nazionali specializzati dell’ambito nutrizionale (ISS, CREA, CNR), tavolo che opera con la supervisione attiva di FAO ed OMS
  • lanciare una “Action Network (AN)” dove l'Italia, con gli altri Paesi che aderiranno, intende avviare azioni programmatiche per la diffusione di diete tradizionali, salutari e sostenibili (Diete mediterranee e altre diete), sulla base delle indicazioni del programma UN Decade of action on malnutrition

La moderazione del Panel è stata condotta dal segretario generale Giuseppe Ruocco, che ha evidenziato come, per l’avvio dell’Action Network, sono stati inizialmente invitati i Paesi che con l’Italia hanno lavorato per il Dossier UNESCO sulla Dieta mediterranea, senza precludere la partecipazione di altri Paesi. 

Il Side Event ha dato il via ad una manifestazioni di interesse (tra le quali quelle dei Paesi co-sponsor dell’evento) per uno scambio di esperienze, che si potrà realizzare, ad alleanza costituita, attraverso workshop itineranti, preparazione di materiale divulgativo, iniziative formative per operatori sanitari, campagne di comunicazione che raggiungano la sensibilità delle singole popolazioni, realizzati congiuntamente. Tutto ciò avrà il fine ultimo di riavvicinare la popolazione alle diete tradizionali, sostenibili sul piano ambientale e economico e di riaffermare che una “dieta salutare e sostenibile”, non è una dieta di élite, ma che si collega a principi antichi, nel rispetto della tradizione, e può essere sostenuta con costi molto accessibili.

Consulta:

Guarda la gallery.

Data di pubblicazione: 27 maggio 2019, ultimo aggiornamento 27 maggio 2019

Documentazione

Opuscoli e Poster