logo della Giornata

Il 3 marzo si celebra in tutto il mondo la IV Giornata mondiale dei difetti congeniti - World Birth Defects Day (WBDD) con l'obiettivoprincipale di aumentare la consapevolezza sui difetti alla nascita e informare che molti di questi possono essere prevenuti e trattati.L'evento, promosso inizialmente da dodici organizzazioni internazionali operanti nell’ambito dei difetti congeniti, tra cui l’International Clearinghouse for Birth Defects Surveillance and Research (ICBDSR), il CDC, l’Eurocat, la March of Dimes, la PAHO e il WHO del Sud Est Asiatico, è stato lanciato per la prima volta nel 2015 e già dal 2016 il numero delle organizzazioni partecipanti in tutto il mondo è notevolmente aumentato.

Anche il Ministero della salute ha aderito alla promozione della Giornata, la cui leadership, nello sviluppo delle attività, è stata ricoperta dalla International Clearinghouse for Birth Defects Surveillance and Research (ICBDSR), organizzazione volontaria no profit affiliata all’OMS, che conduce programmi di sorveglianza e ricerca sulle malformazioni congenite in tutto il mondo.

Uno strumento di diffusione dell’iniziativa un'ondata di supporto "Thunderclap" tra piattaforme di social media, cioè la possibilità di inviare un messaggio unificato, in un momento specifico, da tutti gli account sui social media dei sostenitori dell’iniziativa, https://www.thunderclap.it/projects/67651-world-birth-defects-day-2018. Nel 2017, il Thunderclap ha permesso di coinvolgere quasi tre milioni di persone in tutto il mondo contemporaneamente e il messaggio di quest'anno è: Molti difetti alla nascita possono essere prevenuti e trattati. Aiuta a diffondere la consapevolezza globale per la Giornata mondiale dei difetti alle nascite. #WorldBDDay.
La campagna potrà essere supportata tramite Twitter, Facebook, Thumblr e il link abbreviato http://po.st/WBDD18  potrà essere utilizzato per la diffusione. Il nuovo sito http://www.worldbirthdefectsday.org/ arricchisce l’iniziativa con notizie e informazioni.

Cosa sono i difetti congeniti

I difetti congeniti sono un insieme ampio ed eterogeneo di alterazioni dello sviluppo umano che si verificano durante la gravidanza. Comprendono:

  • malformazioni
  • disabilità congenite (motorie, sensoriali e cognitive)
  • malattie genetiche dell’infanzia.

I difetti congeniti rappresentano una condizione rilevante in sanità pubblica ovunque nel mondo. Nelle società industrializzate, e in maniera crescente anche nelle società emergenti, rappresentano una delle principali cause di morbilità e mortalità infantile entro il primo anno di vita.

Quanti bambini nascono con un difetto congenito

Ogni anno, circa 8 milioni di bambini in tutto il mondo nascono con un grave difetto alla nascita e circa 3 milioni di loro moriranno prima del loro quinto compleanno. Considerando tutti i casi, si può stimare la frequenza dei difetti congeniti intorno al 5%: un bambino su 20 nati presenta una malformazione. In Italia, su 500.000 nati in un anno, circa 25.000 presentano una malformazione, 480 ogni settimana.

La prevenzione primaria dei difetti congeniti rappresenta una priorità in sanità pubblica anche per le conseguenze in ambito socio-sanitario come causa di mortalità e morbilità infantile. Poiché molti difetti alla nascita possono essere evitati adottando azioni di prevenzione appropriate prima e durante la gravidanza, risulta strategica la promozione, nelle donne in età fertile, di stili di vita salutari, con particolare riferimento all'eliminazione di alcool e fumo di sigaretta e alla promozione di un'alimentazione varia ed equilibrata, anche tramite l'integrazione con acido folico, e a evitare o minimizzare l’esposizione a agenti teratogeni e genotossici (quali farmaci, agenti infettivi, xenobiotici ambientali e occupazionali).

Un difetto congenito può essere diagnosticato prima della nascita, alla nascita o anche dopo più tardivamente; in ogni caso l’identificazione precoce e un trattamento e una cura appropriati possono aiutare molte persone a raggiungere il loro pieno potenziale nella vita.

Consulta:

Consulta le notizie di Salute dei bambini

Vai all' archivio completo delle notizie


Consulta l'area tematica: Salute dei bambini

Data di pubblicazione: 2 marzo 2018, ultimo aggiornamento 2 marzo 2018