immagine di un momento della presentazione

Presentata oggi, 26 maggio, la XV Giornata nazionale del sollievo, che si celebra in tutta Italia domenica 29 maggio con diverse iniziative in 15 regioni. La Giornata Nazionale del Sollievo è stata istituita nel 2001 con direttiva del Presidente del Consiglio dei ministri per "promuovere la cultura del sollievo dalla sofferenza fisica e morale in favore di tutti coloro che stanno ultimando il loro percorso vitale".

La Giornata del Sollievo è promossa dal Ministero della salute, dalla Conferenza delle Regioni e delle Province autonome e dalla Fondazione Gigi Ghirotti, intitolata al giornalista de "la Stampa", che ammalatosi di linfoma di Hodgkin, comunicò la sua esperienza di "malato tra i malati" in corrispondenze e inchieste televisive, fino all'anno della sua scopmparsa nel 1974.


 

Il Ministro Beatrice Lorenzin: l'umanizzazione delle cure è il vero valore aggiunto

“L’umanizzazione delle cure, grazie al sempre crescente impegno dei professionisti e dei volontari, credo rappresenti - ha dichiarato il Ministro Beatrice Lorenzin - il vero valore aggiunto e la cifra distintiva della sanità italiana. E noi ne siamo orgogliosi di fronte al mondo.

Lo ricordiamo celebrando la XV Giornata Nazionale del Sollievo, che vede emergere l’impegno a 360 gradi dell’associazionismo e delle fondazioni nel promuovere tutti i giorni sul territorio la cultura del sollievo della sofferenza fisica e morale in favore di coloro che stanno ultimando il loro percorso di vita. Nel momento in cui vi è unità d’intenti sulla necessità di affermare percorsi di umanizzazione delle cure dove la presa in carico del paziente non sia solo sanitaria, ma anche sociale e relazionale, il mio pensiero va all’impegno straordinario della Fondazione Gigi Ghirotti e al contributo fondamentale offerto da tutto il mondo del non profit nello stimolo storicamente fornito alle istituzioni nei contesti in cui il malato e la sua famiglia si trovano ad affrontare percorsi di cura complessi, come nel caso di patologie incurabili.

La legge italiana che garantisce l’accesso alle cure palliative e alla terapia del dolore, prima in Europa a dedicare attenzione ai pazienti affetti da malattie inguaribili assicurandogli risposte sul territorio, non dimentica il ruolo di primaria importanza dell’associazionismo nell’accompagnare il paziente e la sua famiglia nel percorso di assistenza. Stare vicino al malato, in questo particolare contesto doloroso e difficile richiede un impegno ulteriore. L’auspicio è che, sempre più, in Italia tutti coloro che sono affetti da malattie inguaribili possano ricevere cure adeguate e percorsi di cura personalizzati con un’offerta omogenea su tutto il territorio nazionale e che, contemporaneamente, si rafforzi l’empatia nei confronti delle persone colpite e la consapevolezza prenda il posto della negazione e della fuga”.

 

Le iniziative della giornata

Sono in programma per la celebrazione della XV edizione della Giornata nazionale del sollievo manifestazioni in tutta Italia (convegni, eventi formativi, pubblicazioni, spettacoli in luoghi di cura, distribuzione di questionari di rilevazione del dolore e del sollievo, trasmissioni radiofoniche e televisive, incontri di sensibilizzazione presso scuole, stand di Associazioni nelle piazze, ecc.), promosse da Regioni, strutture sanitarie ed associazioni di volontariato.

La raccolta delle iniziative è stata curata dalla Segreteria della Conferenza delle Regioni e delle Province autonome (Settore salute e politiche sociali): 169 iniziative in 15 Regioni.

La manifestazione principale si terrà presso il Policlinico Agostino Gemelli di Roma, presso il quale sono stati invitati il Ministro dell'istruzione e il Presidente della regione Lazio.

Il dossier completo con tutte le iniziative censite dalla Conferenza delle regioni è disponibile nella Sezione sanità del sito della Conferenza alla pagina Dossier eventi.

Consulta sul sito della Fondazione Gigi Ghirotti la pagina La Giornata del Sollievo.

 

Il Premio Gerbera d'oro 2016

Il premio "Gerbera d'oro"è stato assegnato, a partire dal 2006, dalla Conferenza delle Regioni e dalla Fondazione nazionale Gigi Ghirotti come riconoscimento annuale ad una struttura sanitaria distintasi per il buon funzionamento dei servizi alla persona in tema di terapia del dolore.

Quest'anno il riconoscimento Gerbera d'Oro 2016 è andato alla Regione Puglia ed in paticolare alla Fondazione Opera Santi medici Cosma e Damiano - Bitonto Onlus, per il progetto "Verso una città del benessere solidale. La forza della marginalità: costruire, abitare, curare", che mette in luce la possibilità di coniugare la pianificazione urbanistica territoriale con quella socio-sanitaria. L'idea di fondo è quella di capire quale modello di città può adeguarsi ai bisogni del territorio e quali risposte richiede.

Hanno partecipato all’edizione 2016 del premio “Gerbera d’oro” 42 progetti - testimonianza di una crescita culturale della lotta al dolore – provenienti da 14 regioni ( le schede di tutti i progetti possono essere consultate on line sul sito della Conferenza, nella sezione sanità).

Menzioni speciali per Emilia-Romagna, Lombardia e Veneto.

 

 

Data di pubblicazione: 26 maggio 2016, ultimo aggiornamento 22 febbraio 2017