immagine di alcuni ricercatori al lavoro

Anche per il 2016 è prevista la possibilità per i contribuenti di destinare una quota pari al 5 per mille dell’IRPEF a finalità di interesse sociale, tra le quali la ricerca sanitaria.

Gli enti della ricerca sanitaria ammessi alla destinazione della quota del 5 x mille devono rientrare nelle tre categorie

  1. gli enti destinatari dei finanziamenti pubblici riservati alla ricerca sanitaria, di cui agli articoli 12 e 12-bis del decreto legislativo 30 dicembre 1992, n. 502 e successive modificazioni; 

  2. le fondazioni o enti istituiti per legge e vigilati dal Ministero della salute;

  3. le associazioni senza fini di lucro e le fondazioni che svolgono attività di ricerca traslazionale, in collaborazione con gli enti delle categorie precedenti e che contribuiscano con proprie risorse finanziarie, umane e strumentali, ai programmi di ricerca sanitaria determinati dal Ministero della salute.


I soggetti, che rientrano in una delle tre categorie e che non sono compresi nell’elenco degli enti della ricerca sanitaria pubblicato dall’Agenzia delle Entrate nell’anno 2015, che intendono beneficiare del riparto, devono far pervenire entro il 30 aprile 2016, a pena di decadenza, domanda al Ministero.

I soggetti già inclusi nell’elenco dei destinatari nell’anno 2015 non debbono presentare invece alcuna domanda, in quanto già iscritti di diritto.

Per approfondire consulta la pagina Cinque x mille - Enti beneficiari


Consulta le notizie di Ricerca sanitaria

Vai all' archivio completo delle notizie


Consulta l'area tematica: Ricerca sanitaria

Data di pubblicazione: 4 aprile 2016, ultimo aggiornamento 4 aprile 2016