immagine di una ricercatrice al lavoro

Il riconoscimento del carattere scientifico di strutture pubbliche e private è soggetto al possesso di alcuni requisiti di efficienza ed eccellenza nell'attività di ricerca.

Una volta acquisito il carattere scientifico, le Fondazioni IRCCS, gli Istituti non trasformati e gli IRCCS di diritto privato, inviano ogni due anni al Ministero della Salute i propri dati aggiornati per attestare la permanenza dei requisiti di legge (Decreto ministeriale 5 febbraio 2015), per la conferma.

Nella Gazzetta Ufficiale della Repubblica Italiana – Serie Generale  - n. 301 del  29 dicembre 2015 è stato pubblicato il decreto 3 dicembre 2015 con il quale il Ministro, acquisita la formale intesa del Presidente della Regione Lazio, ha disposto  la conferma del riconoscimento del carattere scientifico della Fondazione G. Bietti di Roma per la disciplina di “Oftalmologia”.

Nelle Gazzetta Ufficiale della Repubblica Italiana – Serie Generale -  n. 4 del 7 gennaio 2016  sono stati pubblicati i decreti con data 9 dicembre 2015 con i quali il Ministro, acquisita la formale intesa dei Presidenti delle Regioni interessate, ha disposto  la conferma  del riconoscimento del  carattere scientifico dei seguenti Istituti di ricovero e cura a carattere scientifico pubblici e privati:

  • Centro di Riferimento Oncologico della Basilicata di Rionero in Vulture (PZ), per la disciplina di “Oncologia”;
  • Centro San Giovanni di Dio Fatebenefratelli di Brescia, per la disciplina di “Malattie psichiatriche”;
  • Centro Neurolesi Bonino Pulejo di Messina, per la disciplina di “Neuroscienze nell’ambito della prevenzione, del recupero e del trattamento delle gravi cerebrolesioni acquisite”;
  • Associazione Maria SS. di Troina (EN), per la disciplina di “Ritardo mentale  e involuzione cerebrale senile”.

Nella Gazzetta Ufficiale della Repubblica Italiana – Serie Generale -   n. 5 dell’8 gennaio 2016  sono stati pubblicati i decreti  in data 9 dicembre 2015 con i quali il Sig. Ministro, acquisita la formale intesa dei Presidenti delle Regioni interessate, ha disposto  la  conferma  del  riconoscimento del carattere scientifico dei seguenti Istituti di ricovero e cura a carattere scientifico pubblici e privati:

  • Fondazione IRCCS  Istituto Neurologico Carlo Besta di Milano, per la disciplina di  “Malattie del sistema nervoso nell’adulto e nel bambino”;
  • Eugenio Medea dell’Associazione La Nostra Famiglia di Bosisio Parini (LC), per la disciplina di “Medicina della riabilitazione” ;
  • Istituto Auxologico Italiano di Milano, per la disciplina di “Medicina della riabilitazione”, sottospecialità “Patologie auxo-endocrine-metaboliche, neuro cardiovascolari e dell’invecchiamento”;
  • Istituto di ricerche farmacologiche Mario Negri di Milano, per la disciplina di “Farmacologia e sperimentazione clinica sulle malattie neurologiche, rare ed ambientali”;
  • Nella Gazzetta Ufficiale della Repubblica Italiana – Serie Generale -   n. 6 del 9  gennaio 2016  sono stati pubblicati i decreti  in data 9 dicembre 2015 con i quali il Ministro, acquisita la formale intesa dei Presidenti delle Regioni interessate, ha disposto la conferma  del  riconoscimento del carattere scientifico dei seguenti Istituti di ricovero e cura a carattere scientifico pubblici e privati:
  • Istituto delle Scienze Neurologiche di Bologna, per la disciplina di  “Scienze neurologiche”;
  • Azienda ospedaliera universitaria San martino – Istituto nazionale per la ricerca sul cancro di Genova, per  la disciplina di “Oncologia” ;
  • Istituto Nazionale per lo Studio e la Cura dei Tumori Fondazione G. Pascale di Napoli, per la disciplina di “Oncologia” ;
  • Istituto Neurologico Mediterraneo Neuromed di Pozzilli (IS), per la disciplina di  “Neuroscienze”.

Per approfondire e per consultare i Decreti di conferma e i verbali delle site-visit redatti dalla commissione di valutazione, consulta la pagina: Riconoscimento e conferma carattere scientifico IRCCS

Data di pubblicazione: 14 gennaio 2016, ultimo aggiornamento 14 gennaio 2016

Consulta le notizie di Ricerca sanitaria

Vai all'archivio completo delle notizie


Consulta l'area tematica: Ricerca sanitaria