I pellegrini che giungono in Italia per il Giubileo della Misericordia provenienti da Paesi che non hanno accordi in materia sanitaria con l’Italia (consulta la lista dei Paesi) possono beneficiare, dietro il pagamento di un contributo volontario di 51 euro, del First Aid Pass che consente loro l’accesso gratuito alle cure urgenti (prestazioni che non possono essere differite senza pericolo per la vita o danno per la salute) erogate dalle strutture ospedaliere del Servizio Sanitario Nazionale, pubbliche o private accreditate a contratto.

Per consentire ai pellegrini interessati il pagamento del contributo volontario (previsto dal D.L. 78/2015) e il rilascio del First Aid Pass, il Ministero della salute ha sviluppato un’applicazione web con tutte le informazioni utili.

L’applicazione consente al pellegrino di effettuare il pagamento online esclusivamente con carta di credito e solo dopo aver compilato un modulo con le informazioni relative al periodo del soggiorno, ai dati anagrafici e all'indirizzo e-mail. A fronte del pagamento, il pellegrino può stampare e ricevere, alla e-mail indicata, il First Aid Pass che contiene il codice identificativo univoco personale assegnato automaticamente dalla applicazione, oltre a tutte le informazioni da lui stesso fornite durante la compilazione del modulo online, compreso il numero di passaporto. Il First Aid Pass è personale, è valido solo sul territorio italiano e non può essere ceduto.

Per accedere alle prestazioni urgenti, il pellegrino dovrà recarsi direttamente al Pronto Soccorso ospedaliero o, nei casi più gravi, potrà telefonare al numero unico per l’emergenza sanitaria 118 per chiedere un intervento di soccorso. Nel momento in cui si recherà presso le strutture ospedaliere del SSN, il pellegrino dovrà esibire il First Aid Pass (che può essere salvato anche su dispositivo mobile) e il passaporto, per poter usufruire gratuitamente delle prestazioni urgenti.

In caso di accesso al Pronto Soccorso per prestazioni non urgenti, il pellegrino dovrà pagare la prestazione secondo il nomenclatore tariffario delle prestazioni ambulatoriali adottato dalla Regione, anche nel caso abbia presentato alla struttura ospedaliera il First Aid Pass.

I pellegrini senza First Aid Pass sono tenuti a corrispondere le tariffe regionali per le prestazioni fruite anche in urgenza.

Per gli operatori delle strutture sanitarie del SSN è stata sviluppata una applicazione web per verificare la validità del codice identificativo univoco contenuto nel First Aid Pass.

Inoltre, è stato sviluppato un applicativo che sarà fornito allo sportello del pellegrino, sito in Via della Conciliazione a Roma, al fine di fornire assistenza a pellegrini che possono aver smarrito il First Aid Pass. L’applicativo consente all’operatore di poter ristampare o trasmettere via e mail il First Aid Pass. Per qualsiasi informazione, i pellegrini possono scrivere direttamente alla e-mail dedicata infopass@sanita.it.

E' infine disponibile un sito tematico dedicato al First Aid Pass, www.salute.gov.it/iubilaeum, inizialmente in lingua italiana e inglese e successivamente anche in lingua francese e spagnola, in cui è possibile consultare tutte le informazioni necessarie.

Per approfondire:

Data di pubblicazione: 11 dicembre 2015, ultimo aggiornamento 11 dicembre 2015