Ministro Lorenzin a Porta a Porta

"Non è vero che le 208 prestazioni non verranno più prescritte. La differenza è che c'è un criterio di appropriatezza e le sanzioni ci saranno solo nel caso di abusi e quando ci sono sprechi enormi. Una prestazione inappropriata non è inutile né superflua, semplicemente non deve essere prescritta a quel paziente". Lo ha ribadito il Ministro della Salute, Beatrice Lorenzin, durante la puntata di Porta a Porta del 28 settembre su Rai Uno in cui si è parlato del cosiddetto Decreto sull'appropriatezza previsto in attuazione dell'articolo 9 quater del Decreto Enti Locali. In ogni caso, ha affermato Lorenzin "è il medico che decide, e se vuole prescrivere quelle prestazioni lo può fare motivando la scelta".

Riguardo al tema delle sanzioni introdotte dalla Decreto Enti locali, Lorenzin ha teso la mano ai medici: "Se il tema è quello delle sanzioni troviamo una strada, ma non possiamo tornare indietro sull'appropriatezza, sarebbe una sconfitta anche per il medico. In Conferenza Stato-Regioni proporrò di levare alcuni ambiti d'incertezza, cioè che la norma sia applicata in modo uniforme in tutta Italia e che ci sia la garanzia che le cose vadano fatte bene e in modo omogeneo".

Il Presidente del Consiglio superiore di sanità, Roberta Siliquini, che ha affiancato il Ministro nel confronto televisivo con i medici, ha difeso il decreto. "L'elenco delle 208 prestazioni mette davanti a tutto il cittadino e la sua salute. La lista è stata stilata sulla base di studi scientifici e ricordiamo che gli esami inutili comportano anche rischi per la salute".

Vedi la puntata di Porta a Porta

Data di pubblicazione: 29 settembre 2015, ultimo aggiornamento 29 settembre 2015

Consulta le notizie di Programmazione sanitaria e LEA

Vai all'archivio completo delle notizie


Consulta l'area tematica: Programmazione sanitaria e LEA