dettaglio della pancia di una donna incinta

Il Consiglio superiore di sanità ha approvato, nellìAssemblea generale del 12 maggio 2015, le Linee-guida sullo Screening prenatale non invasivo basato sul DNA (Non Invasive Prenatal Testing - NIPT) .

Il documento allinea l’Italia agli altri Paesi europei nella previsione di offrire questo test a circa 50.000 potenziali utenti ogni anno. Il NIPT non è un test diagnostico, ma di screening, basato su tecniche molecolari di elevata sensibilità che analizzano la probabilità che il feto sia affetto dalle più comuni anomalie di numero dei cromosomi non sessuali:

  • trisomia 21 (sindrome di Down)
  • trisomia 18 (sindrome di Edwards)
  • trisomia 13 (sindrome di Patau).

Le linee-guida, tra l’altro:

  • prevedono specifici modelli di consenso informato, volti alla tutela della donna
  • prevedono la necessità che il Centro che offre il test possa fornire alla gestante il completo supporto durante l’intero iter diagnostico prenatale, facendosi carico del follow-up della gravidanza, con particolare riferimento al suo esito
  • analizzano gli aspetti etici e l’impatto economico e sociale del test
  • offrono indicazioni sugli aspetti logistici e sulle competenze professionali che devono avere i Centri che offrono il NIPT.

Data di pubblicazione: 3 luglio 2015, ultimo aggiornamento 3 luglio 2015