immagini di omini di carta che si tengono per mano

Il Ministro della Salute On. Beatrice Lorenzin ha inviato al Parlamento il 5 maggio 2015 il Rapporto al Parlamento sullo stato di attuazione della Legge n. 38 del 15 marzo 2010, "Disposizioni per garantire l'accesso alle cure palliative e alla terapia del dolore". La relazione ha la finalità di evidenziare lo stato di attuazione e realizzazione delle reti assistenziali di cure palliative e di terapia del dolore rivolte, sia al paziente adulto, sia al paziente pediatrico.

Sono lieta di firmare questa Relazione – ha sottolineato il Ministro della Salute Beatrice Lorenzin -  dati e tendenze confermano un costante miglioramento nell’attuazione della nostra Legge sulle cure palliative e la terapia del dolore, che rappresenta, lo ricordo,  un’eccellenza nel panorama europeo come sottolineato anche nel corso del Semestre di Presidenza italiana dell’UE nel Meeting informale con i ministri della Salute. Molta strada resta da fare, ma questi dati dimostrano che l’uso delle terapie contro il dolore non è più un tabù e che sono sempre di più le persone che ricevono un’assistenza adeguata nel momento di massima fragilità in strutture preparate e da personale competente”.


A chi è rivolta l'assistenza

L’attuale edizione ha concentrato l’attenzione sulla definizione del soggetto eleggibile alle reti previste dalla legge 38/2010, per poter individuare il potenziale bacino di utenza verso cui l’assistenza deve rivolgersi nell’ambito della rete di cure palliative e di terapia del dolore; si è posta una specifica attenzione alle fasce deboli della popolazione, in particolare anziani e pazienti in età pediatrica evidenziate da una approfondita analisi dei risultati scaturiti dal monitoraggio dei dati immessi dalle regioni nel sistema informativo sanitario del Ministero della Salute.



Aumenta l'impiego di farmaci analgesici

Tra i dati si evidenzia che la spesa regionale per i farmaci analgesici non oppioidi mostra un trend in crescita facendo registrare un aumento contenuto dal 2012 al 2014. Anche per il consumo di farmaci analgesici oppioidi  permane un trend di crescita positivo; in particolare, in alcune regioni quali la Valle d’Aosta, la Lombardia, la P.A. di Trento, il Lazio, le Marche, il Molise, la Puglia e la Sardegna, la percentuale di crescita della spesa relativa al consumo di farmaci oppioidi nel triennio 2012 – 2014 supera il 30%. A livello nazionale l’incremento della spesa farmaceutica di questa categoria di farmaci sempre nel triennio 2012 al 2014 si attesta intorno al 26%.

Alla luce dei dati è dunque ipotizzabile un utilizzo appropriato dei farmaci per la terapia del dolore.       


La rete di cure palliative

In attuazione dell’art. 9 della legge 38/2010 è stato analizzato per ogni singola regione italiana lo stato di sviluppo delle reti sul territorio nazionale, evidenziando i risultati ottenuti e le criticità ancora irrisolte. Tra i risultati ottenuti è da annoverare il trend decrescente del numero di pazienti deceduti in un reparto ospedaliero per acuti con una diagnosi neoplastica.
Il dato registrato nell’anno 2013 è pari a 44.725 pazienti deceduti con diagnosi primaria o secondaria di neoplasia nei reparti per acuti rispetto a 47.537 nell’anno 2012.


L'assistenza agli anziani

Specifico di questa edizione del Rapporto al Parlamento è il focus effettuato sull’assistenza palliativa e di terapia del dolore rivolta al paziente anziano; l’aumento della popolazione europea sopra i 65 anni di età pone sfide importanti per il sistema sanitario di tutti i paesi appartenenti alla comunità europea ed il Rapporto al Parlamento sullo Stato di attuazione della Legge 38/2010, in questa edizione, ha consentito così di portare all’attenzione dei paesi membri le strategie operative attuate sul territorio nazionale. Viene così fornito un quadro generale che mostra come il nostro paese abbia intrapreso un percorso virtuoso su tali argomenti ma, allo stesso tempo, sia ancora molto lunga la strada da percorrere per il pieno raggiungimento dell’obbiettivo stabilito.

 

In occasione del Semestre Europeo di presidenza italiana le cure palliative e la terapia del dolore sono state inserite tra gli argomenti per i quali si è previsto un confronto approfondito con gli stati membri della Comunità europea e ha consentito di portare all’attenzione dei paesi membri le strategie operative attuate nel territorio nazionale per le cure palliative e la terapia del dolore rivolte sia al paziente adulto che al paziente pediatrico.

Il Ministero con il rapporto al Parlamento 2015 propone una fotografia su scala nazionale di ciò che risulta essere la risposta al dettame fornito dalla Legge 38/2010, la quale rappresenta una eccellenza nel panorama europeo.

Consulta:

 

Data di pubblicazione: 13 maggio 2015, ultimo aggiornamento 22 febbraio 2017